“Una Giunta congiunta”: il programma della “Giornata dello Stretto” [FOTO&VIDEO]

Sabato 18 aprile avrà luogo, a bordo di una nave delle Ferrovie dello Stato, la “Giornata dello Stretto”, tesa anche al riconoscimento della zona, da parte dell’UNESCO, quale patrimonio dell’umanità

giornata dello stretto 2Una “Giunta congiunta”: così si è deciso di nominare l’iniziativa che vede coinvolte le tre amministrazioni dello Stretto (Reggio Calabria, Villa San Giovanni e Messina). Il prossimo sabato, 18 aprile, sulla nave delle Ferrovie dello Stato, guarda caso denominata “Messina”, verrà siglato un importante accordo teso, tra le altre cose, al riconoscimento dello Stretto, da parte dell’UNESCO, quale patrimonio dell’umanità; si sta lavorando da 6 mesi, seguendo tale direzione, su dei dossier da proporre proprio all’UNESCO. Obiettivo comune, quello di lavorare per una reale integrazione dell’area.

Questa mattina, presso Palazzo San Giorgio, si è svolta la conferenza stampa di presentazione della “Giornata dello Stretto”; a presenziare all’incontro, Patrizia Nardi, assessore alla cultura del comune di Reggio Calabria, Antonio Perna, assessore alla cultura, alle politiche di integrazione dell’area dello Stretto e del Mediterraneo del comune di Messina, il vicesindaco di Reggio Calabria, Saverio Anghelone (Giuseppe Falcomatà è quest’oggi impegnato a Roma in un incontro con l’Anci), ed il Presidente del Consiglio comunale di Reggio, Demetrio Delfino. A moderare gli interventi, Franco Arcidiaco.

“È un’iniziativa, questa, che vuole portare a parlarsi di più e più agilmente – ha esordito con tali parole Patrizia NardiFino ad ora, purtroppo, non si è riusciti a mettere a sistema il nostro patrimonio culturale e paesaggistico. Un patrimonio – prosegue l’assessore Nardi che potrebbe essere valorizzato al massimo anche attraverso il coinvolgimento delle università, in un unico modo di fare cultura. L’area dello Stretto – ha concluso Patrizia Nardi ci sarà quando anche noi ci sentiremo cittadini dello Stretto”.

Turismo, sanità, cultura, trasporti: saranno questi i temi che si affronteranno durante il singolare incontro di sabato, un incontro volutamente organizzato al centro dell’area dello Stretto, che per la prima volta vede riunite per un unico obiettivo tre amministrazioni comunali, e per giunta su una nave.

“Attraverso questa bella idea – ha affermato Demetrio Delfinosi vogliono promuovere gli scambi, portare avanti delle sinergie tra le due sponde, favorire il turismo. Le tre amministrazioni coinvolte si incontreranno in modo così sinergico per concretizzare questa idea di unione. Creiamo con Messina dei ‘ponti’ economici, sociali e culturali, e non ‘ponti’ di acciaio”.

E sempre per rimanere in “tema ponte”, anche il vicesindaco Anghelone ha sottolineato l’importanza che ricopre “il ponte delle idee che abbiamo avuto, che deve fare da volano per concretizzare l’unione a cui auspichiamo”.

giornata dello stretto 3Un’unione, quella fra le due sponde dello Stretto, che a detta dell’assessore Perna “è stata fortemente voluta da questa Giunta sin dal momento del suo insediamento, come mai era successo in passato. Le due sponde – prosegue Antonio Pernahanno moltissime cose in comune; a dividerle, molto probabilmente, è stata la stupidità umana. Si deve creare un’integrazione che si rifaccia a tutti i settori: dall’aeroporto, all’università, al turismo, alla sanità, alla cultura. Proprio quest’anno, a Messina sono giunti circa 400-450 crocieristi: in merito a tali dati – continua a spiegare l’assessore – si potrebbe fare un accordo con Reggio, in modo tale da portare questi visitatori al Museo Archeologico Nazionale, oppure al Teatro Cilea, o al Castello”.

L’argomento “turismo”, come sempre, e anche questa mattina in conferenza stampa, ha rappresentato un tasto dolente, tale da richiedere l’intervento dell’assessore al settore di Reggio Calabria, Mattia Fortunata Neto: “L’obiettivo di questa giunta – ha dichiarato l’assessore – è stato fin da subito anche quello di rilanciare la città dal punto di vista del turismo. Stiamo cercando di partire dalle cose indispensabili: proprio recentemente abbiamo ricevuto un finanziamento di 1 milione di euro per poter proseguire con iniziative di più ampio respiro”.

In aggiunta al suddetto finanziamento, il Comune ne sta cercando di ottenere un altro, teso al rilancio, per usare una parola utilizzata dall’assessore Neto, del Miramare. “Impegno e volontà – ha concluso l’assessore – non mancano”.

Impegno e volontà di cui si fanno diretti portavoce anche i club di territorio, come il Touring Club, rappresentato quest’oggi dal professore Cappellano, il quale ha tenuto ad evidenziare l’impegno, per l’appunto, che sia il club che il FAI hanno portato avanti negli ultimi due anni per cercare di rendere fattibile l’idea che mira alla protezione dell’area dello Stretto.

“Abbiamo rilanciato un contest fotografico su Instagram – ha continuato a dire il professore Cappellanoche durerà fino al 20 maggio di quest’anno: tutti potranno pubblicare immagini dello Stretto di Messina”.

E attraverso lo Stretto, almeno secondo quanto riferito dall’assessore Perna, si potrà presto viaggiare con più fruibilità anche e soprattutto dal punto di vista economico: è in previsione, infatti, una convenzione, per quanto riguarda i soli studenti, con le Ferrovie dello Stato, che permetterà ai passeggeri a piedi di pagare 1 euro per il biglietto, a fronte dei 5 euro che si pagano attualmente. Un’altra idea, questa ancora in fase di definizione, è di dimezzare il prezzo del biglietto per tutti coloro che viaggiano in macchina il sabato e la domenica, e per scopi culturali.

“È essenziale che si proceda unitariamente”, così la professoressa Martina, per l’associazione reggina “Italia Nostra”. “Necessaria – prosegue – è anche un’operazione di marketing territoriale ad opera di un professionista del settore. Serve un’azione professionale, soprattutto sul fronte dei trasporti, in modo tale da creare un sistema più efficace su tutto il territorio”.

Professionalità, ma anche organizzazione, sono tra le cose da “sistemare”; e in riferimento all’organizzazione, Rocco Gangemi, Capo Delegazione del Fai di Reggio Calabria, è apparso oggi convinto nel voler fare in modo che “il turista non si trovi di fronte al nulla. Programmazione – ha affermato Gangemi –  Sono questi i primi passi da fare per parlare di turismo in città”.

Sarà una giornata di festa, dunque, quella del 18 aprile prossimo, dove, visto l’argomento che si tratterà, è risultato più che giusto incontrarsi su una nave, in mezzo allo Stretto di Messina.

giornata dello stretto 4Il programma della giornata prevede la partenza della nave “Messina” dal suo omonimo porto alle 9:30, mentre dal porto di Villa San Giovanni si salperà alle 10:30. Durante la navigazione, gli ospiti saranno allietati dalle voci dei coristi del Teatro Cilea di Reggio Calabria, nonché di altri due cantanti che intoneranno brani “tipici” della nostra terra. Insieme ai canti, i presenti potranno anche assistere ad una mostra fotografica di un artista calabrese naturalizzato curdo: la particolarità della sua arte si rifà alla capacità di trasformare il mare, su tela, in scultura, rendendolo quasi pietrificato. Inoltre, ci sarà, sempre sulla nave, un angolo dedicato alla gastronomia, ovviamente siculo-calabra: si serviranno la tipica cassata siciliana e la pignolata, entrambe “sfornate” dalla storica Pasticceria Irrera di Messina; immancabili gli arancini.

Ma oltre a tutte queste cose, un po’ goliardiche, di vitale importanza sarà il momento in cui la nave, dopo una breve navigazione, si fermerà nel centro dello Stretto: l’accordo si firmerà in quel particolare istante, una firma seguita dal suono delle sirene della stessa nave.

Si deve sottolineare, in aggiunta al programma, la volontà di navigare anche di fronte alla nota via marina di Reggio Calabria. Proprio per tale ragione, tutta la cittadinanza è invitata a presenziare al passaggio della nave “Messina” dinnanzi al Lungomare Falcomatà, che, secondo quanto detto stamane, dovrebbe avvenire intorno alle 11.30 circa.