Treni Palermo-Catania: il Comitato Pendolari Siciliani evidenzia i problemi del servizio

Il Presidente del Comitato Pendolari Siciliani sottolinea i problemi che la rete ferroviaria tra Palermo e Catania sta vivendo

FS: NUOVI INVESTIMENTI, 1,25 MLD PER TRENI PENDOLARIGiosuè Malaponti , Presidente “Comitato Pendolari Siciliani” si esprime su quelli che egli stesso definisce come treni pseudo veloci sulla Catania-Palermo.

Si doveva aspettare questa inaspettata chiusura di un tratto dell’A19 per evidenziare il problema mobilità su ferro tra Palermo e Catania. Mercoledì 16 aprile era previsto un incontro tra i sindaci di Catania, Enna, Caltanissetta e Palermo per concordare due nuove coppie di treni, in vigore al cambio orario di giugno, sulla tratta ferroviaria, biblica riferita i tempi di percorrenza, Palermo-Catania. Questo evento eccezionale ha fatto sì di far partire, giustamente questo servizio ma ci lasciano in dubbio i lunghi tempi di percorrenza 191 minuti salvo ritardi, pari a 3 ore e 11 minuti. Sono trascorsi due anni dal 28 febbraio 2013 data della sottoscrizione da parte del governatore Crocetta del CIS (Contratto Istituzionale di Sviluppo) nel quale venivano evidenziato a pagina 8 (si allega slide Cis) i tempi di percorrenza attuali della Catania-Palermo in 2 ore e 45 minuti ma di questi orari di percorrenza a tutt’oggi nemmeno l’ombra. Una richiesta importante da parte nostra all’assessore Pizzo e ai dirigenti di Trenitalia che questa nuova coppia di treni abbia le giuste coincidenze in arrivo a Catania per proseguire verso Messina e Siracusa e lo stesso dicasi a Palermo in direzione Trapani e che ai primi treni del mattino venga fissato l’orario di partenza alle 5.00 così come avviene per i treni da Messina a Palermo“- conclude il Presidente.

Cis Catania-Palermo