Taormina, per il villaggio Le Rocce si fa avanti Antonio Presti: l’obiettivo è tutelare il patrimonio naturale

Il mecenate vuole costruire un museo naturale del mare

antonio-prestiLa gestione del villaggio “Le Rocce” di Taormina potrebbe finire nelle mani del mecenate Antonio Presti. Questi, infatti, ha manifestato il proprio interesse in linea con il gusto artistico da esteta che da sempre lo caratterizza. Un’ipotesi, quella ventilata dal mecenate, che sembra sposarsi perfettamente coi desiderata del Comune: non ci sarebbero, in tale prospettiva, nuovi alberghi o nuove costruzioni, bensì la preservazione della vocazione naturalistica dell’area. E proprio Presti, alla Gazzetta del Sud, ha manifestato esplicitamente il proprio interesse per l’area: “Sono pronto a donare la mia collezione di Fiumara d’Arte e le stanze dell’Atelier, realizzare altre opere e dar vita ad un museo sul mare, un giardino con l’arte e le opere ma anche le piante e le essenze botaniche” è stato il suo laconico commento da “innamorato”.