Strage di migranti nel Canale di Sicilia: giunta a Malta la nave Gregoretti

L’unità italiana è scortata da una motovedetta maltese

Foto LaPresse/Reuters

Foto LaPresse/Reuters

E’ appena arrivata nel porto de La Valletta la nave Bruno Gregoretti della Guardia Costiera italiana con a bordo 24 cadaveri e 27 dei 28 superstiti del naufragio avvenuto davanti alle coste libiche che avrebbe causato fra 700 e 900 vittime. L’unita’ italiana e’ scortata da una motovedetta maltese.  Subito dopo lo sbarco delle salme e un controllo medico delle condizioni dei sopravvissuti la Gregoretti dovrebbe ripartire facendo rotta verso Catania, dove ieri e’ stato trasferito d’urgenza in elicottero uno dei migranti originario del Bangladesh. E’ stato lui a riferire che a bordo del barcone vi sarebbero stati circa 950 profughi. Il nuovo molo di Isla, davanti al porto grande della fortezza de La Valletta, e’ affollato da centinaia di persone tra forze dell’ordine, militari, medici, giornalisti e troupe televisive. Oltre al personale dell’ospedale maltese Mater Dei in banchina si trovano anche gli operatori di Medici senza frontiere che proprio in questi giorni hanno stretto un accordo con l’ong maltese Moas (Migrant Offshore Aid Station) per prestare soccorso ai migranti nel Canale di Sicilia con una nave medica.