Sicilia, crollo del viadotto sulla A19: “serviranno 30 milioni di euro”

Crollo ponte: Procura Agrigento apre inchiesta“Da una prima stima, per il ripristino della viabilità occorreranno circa 30 milioni di euro”. E’ questa la cifra che sarebbe necessaria per ripristinare la viabilità dopo il cedimento del pilone sull’ autostrada A19 Palermo-Catania, nel viadotto Himera tra Scillato e Tremonzelli. E’ quanto emerso da un incontro che si è svolto oggi a Roma, presso la sede Anas tra il Presidente dell’Anas Pietro Ciucci e il Presidente della Regione Siciliana Rosario Crocetta. Erano presenti l’Assessore Regionale infrastrutture e mobilità Giovanni Battista Pizzo, l’Assessore Regionale del Territorio e dell’Ambiente Maurizio Croce, il capo del Dipartimento Protezione Civile della Sicilia Calogero Foti, il Condirettore Generale Tecnico dell’Anas Alfredo Bajo e il Direttore dell’Esercizio e del Coordinamento del Territorio dell’Anas Michele Adiletta. La Regione Siciliana aveva già deliberato il 12 marzo scorso lo stato di calamità naturale della zona, in conseguenza delle precipitazioni piovose eccezionali abbattutesi sul territorio tra metà febbraio e inizio marzo, richiedendo lo stato di emergenza. E’ stato stabilito che sarà individuato entro un paio di mesi un percorso alternativo più efficace, che consenta di attenuare i disagi agli automobilisti prima del’estate. E il ripristino della viabilità sul tratto autostradale; a tal fine domani proseguiranno i sopralluoghi congiunti dei tecnici dell’Anas, della Regione Siciliana e della Protezione Civile siciliana.