Servono gli ispettori del Ministero: sul dissesto CapitaleMessina pretende trasparenza

L’associazione chiede un incontro chiarificatore al vice-sindaco, accusato di scarsa trasparenza

pino falzea presidente capitalemessinaIl dissesto è un dato di fatto: se è in atto, non si può più evitare. E’ questa, in sostanza, la posizione espressa dall’associazione CapitaleMessina. Tale realtà ha chiesto pubblicamente l’intervento dei Servizi Ispettivi del Ministero dell’Economia e delle Finanze a mezzo della Ragioneria Generale di Stato. Rilevando, infatti, le criticità del Piano di Riequilibrio, l’associazione ritiene opportuno un incontro chiarificatore con l’assessore competente, Guido Signorino, affinché sia garantita la trasparenza nella gestione dei conti pubblici. “Trasparenza che, fin qui, non abbiamo registrato né in termini di chiarezza sulla situazione debitoria del Comune, né sulle responsabilità del deficit” ha ribadito l’associazione in una nota.