Da Sbarre a Cochabamba con amarezza: “anche nel terzo mondo ci hanno superato” [FOTO]

Un reggino trasferitosi due mesi fa in Bolivia scrive una lettera a StrettoWeb che lascia l’amaro in bocca a tutti coloro che amano questa città: “anche nel terzo mondo ci hanno superato”

pista ciclabile Cochabamba (1)Domenico Britti è uno dei tanti reggini emigrati all’estero per motivi economici e di lavoro: la sua storia è particolarmente interessante, e lo è ancor di più l’ambiente che ha trovato a Cochabamba, famosa città della Bolivia che conta oltre 620.000 abitanti e sorge a 2.600 metri di altitudine sul livello del mare. Domenico ha voluto scrivere a StrettoWeb raccontando un’esperienza che lascia grande amarezza nel cuore di tutti coloro che amano Reggio. “Sono di Reggio Calabria e vivo a Cochabamba, in Bolivia, dal mese di Febbraio 2015. Ogni giorno leggo le notizie sul vostro sito, della vita quotidiana della mia città… e non nascondo una certa rabbia a leggere e rileggere sempre le stesse notizie…. e buche, la spazzatura, la pista ciclabile e i vari incidenti stradali….. nessuno fa niente e farà niente per noi cittadini. Questo per me e’ stato uno dei tanti motivi per cui sono andato via… un altro e’ stato il dover chiudere la mia impresa per via della crisi economica ( Punto Casa di Britti negozio di detersivi su Sbarre Centrali). Il motivo per cui vi scrivo e’ il vostro  articolo sulla pista ciclabile…. bene nelladomenica Pasqua, qui a Cochabamba c’era il “dia del peaton” …. dalle 8 di mattina fino alle 18 non era possibile circolare con qualsiasi mezzo motorizzato… la gente  era tutta riversa per le strade e con tanti bambini in bicicletta che si divertivano… c’era un atmosfera di festa, nelle piazze più importanti gruppi di cantanti suonavano in vivo. Sempre nella stessa mattina insieme a i miei nipotini in bicicletta abbiamo percorso circa 15km di pista ciclabile che aggira tutta la citta’, un sentiero in mezzo alla natura piacevole e rilassante. Nel vedere la nostra citta’ con questa pista ciclabile no saprei se ridere o piangere… sicuramente un altro dispiacere nel vedere la mia citta’ ridotta in queste condizioni….Bolivia dichiarato il paese più povero di tutto il sudamerica…. ci ha letteralmente superato in civilizzazione…..”