Reggio: spazio ai giovani con il circolo Democratico di Cardeto

A Cardeto inaugurato il circolo dei Giovani Democratico. Spazio ai giovani per il rilancio del territorio

IMG-20150402-WA0001Cardeto: la rinascita parte dai giovani, perché è da qui che occorre iniziare per portare contributi costruttivi per il territorio, a tutti i livelli locali”. Inaugura così la nuova sezione dei GD di Cardeto il neo Segretario Antonino Fotia, nominato dalla Direzione Provinciale dei GD, annunciando la stesura di un documento programmatico e ricco di istanze da portare all’attenzione delle amministrazioni. Un nastro di partenza salutato da Francesco Danisi, Segretario del Giovani Democratici, da Maurizio Romeo, Presidente dei GD – Provincia di Reggio Calabria e da Alex Tripodi Responsabile Organizzazione GD. Presente all’inaugurazione anche il Consigliere Regionale Nicola Irto.

“Abbiamo avviato una serie di iniziative importanti in Calabria – ha detto Francesco Danisi – e mi piace ricordare qui l’impegno assunto dai Giovani Democratici per il miglioramento delle carceri calabresi e delle condizioni dei detenuti, anche con l’intervento di diversi parlamentari. Plaudo all’apertura del circolo di Cardeto, quale luogo di confronto, anche nelle periferie, per la crescita del Partito”. Il Consigliere Regionale Nicola Irto, ha poi delineato il futuro del Partito Democratico quale luogo di dibattito aperto e critico, finalizzato alla costruzione di una nuova idea del PD.

Oggi ciò che conta, è un cambio di mentalità delle giovani generazioni, già visibile in questa iniziativa che si colloca sulla scia di chi vuole lavorare in rete, con la voglia di metterci la faccia. In un partito che necessita di una rivisitazione a tutti i livelli e lo può fare solo partendo dalle spinte che provengono dal basso, dai giovani, con una discussione franca, con l’apporto di contributi freschi e idee nuove. Così come non si può immaginare, da maggioranza politica a tutti i livelli, Comune, Regione, Governo, di lavorare senza condivisione con le scelte di partito”.

Ma per il Presidente della IV Commissione regionale urgono interventi strutturali su un territorio che è a rischio per l’assetto geomorfologico e le problematiche relative al dissesto idrogeologico. “Servono politiche adeguate e non soluzioni tampone di cui si è serviti sino ad oggi. Adesso che governiamo la Calabria e il Paese – ha poi aggiunto Irto – abbiamo il dovere di aprire una discussione seria sulle politiche giovanili e il mondo universitario. Non basta produrre laureati, ma serve fare ricerca da spendere sul territorio, per la crescita dei livelli occupazionali e lo sviluppo della regione”. Il dibattito è stato alimentato dagli interventi dei neo iscritti al circolo e dei residenti della frazione di Cardeto.