Reggio, smontavano autovetture in sosta: arrestati

I Carabinieri hanno sorpreso in Via Enotria a Reggio quattro soggetti in atteggiamento sospetto i quali sono stati trovati in possesso di numerosi attrezzi da scasso e parti di autovetture poco prima asportate da veicoli in sosta

pandaLa costante attività di controllo del territorio condotta quotidianamente da parte dei Carabinieri della Compagnia di Reggio Calabria ha permesso di addivenire ad un altro importante successo nel contrasto dei reati contro il patrimonio commessi in città. Nello specifico, nella notte tra il 31 marzo ed il 1° aprile, le pattuglia dei Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile hanno sorpreso in Via Enotria, quattro soggetti in atteggiamento sospetto a bordo di un’autovettura Fiat 600, i quali, a seguito di perquisizione veicolare, sono stati trovati in possesso di numerosi attrezzi da scasso e parti di autovetture poco prima asportate da veicoli in sosta nella vicina Via Argine Destro Annunziata. I due soggetti maggiorenni, identificati in Mosca Giuseppe 25enne e Delisi Armando 18enne, entrambi originari di Rosarno, sono stati arrestati e condotti nella medesima mattinata dinnanzi al GIP del Tribunale di Reggio Calabria, il quale ha convalidato l’arresto eseguito dalla P.G. ed ha disposto la misura cautelare dell’obbligo di presentazione in caserma. I due minorenni (di 16 e 17 anni) sono stati riaffidati ai rispettivi genitori a disposizione dell’Autorità Giudiziaria per i Minorenni. Anche in questo caso, la collaborazione con l’Arma dei Carabinieri da parte dei cittadini si è dimostrata elemento precipuo e fondamentale per il contrasto dei reati contro il patrimonio sul territorio.

Foto di repertorio