Reggio, sistema rifiuti: una riflessione su Ecologia Oggi

Rifiuti (2)“Gli effetti devastanti di anni di emergenza, sono sotto gli occhi di tutti, ed ancora una volta a pagare sono i cittadini ed i lavoratori. Come FIT CISL, una riflessione va rivolta a Ecologia Oggi spa, che da oltre due anni gestisce i cinque impianti del “sistema Calabria sud” subentrando a Veolia spa, con un affidamento provvisorio prorogato di volta in volta. Non è possibile più questo stato di cose , anche perché, dopo il primo periodo di affidamento, l’Azienda ha progressivamente cercato di eludere il corretto confronto con le rappresentanze sindacali, con una strategia dilatoria, messa in campo scientemente. I lavoratori sono stufi delle mancate risposte, che vanno dalle richieste più banali, come il mancato riconoscimento di una competenza non corrisposta, alla puntuale fornitura degli indumenti di lavoro, alla confusione organizzativa e di mansioni, forse creata ad arte, per poter agire nei loro confronti, con provvedimenti diffusi di contestazioni disciplinari a molti lavoratori. Secondo noi questo è il metodo peggiore di condurre una Azienda” afferma in una nota il segretario Giuseppe Larizza. “Altro tasto dolente e di demerito, sono tutti i mancati interventi di ordinaria manutenzione degli impianti, che sono stati ulteriormente trascurati da Ecologia Oggi, decretando il peggioramento del loro stato, già non ottimale dopo che Veolia spa ha lasciato la gestione. Il mancato intervento della Regione di lavori di manutenzione straordinaria ha deturpato ancora di più un patrimonio impiantistico pubblico, che ha grandi potenzialità e potrebbe dare regolarità al sistema Regionale, ed in particolare, alla città ed alla provincia di Reggio Calabria. La nostra provincia – prosegue- ha una buona dotazione di impianti per il trattamento meccanico biologico con il termovalorizzatore di Gioia Tauro; Sambatello quale impianto di selezione e Siderno di trattamento della frazione umida, che occupano circa 100 lavoratori su 123 dell’intero sistema Regionale e che messi a norma e nelle condizioni di piena potenzialità, darebbero una eccellente risposta al nostro territorio, valorizzando il buon lavoro messo in campo dal Comune di Reggio Calabria, con l’avvio della raccolta differenziata in modo graduale e ben programmato, con l’eccellente risposta collaborativa delle professionalità dei dipendenti dell’ AVR spa, Azienda affidataria del servizio. In questa nostra provincia, che dovrebbe diventare “città metropolitana”, la FIT CISL ritiene che non è più sopportabile questo stato di cose e sollecita una nuova politica di programmazione e sostenibilità del “sistema rifiuti” che se adeguatamente gestito può contribuire ad avviare una nuova fase di rilancio economico, occupazionale e di tutela ambientale del territorio. Come OO.SS. Abbiamo avviato, nostro malgrado, uno stato di agitazione dei dipendenti dell’impianto di Sambatello, ma considerato il diffuso malcontento dei lavoratori di tutti gli impianti del “Sistema Calabria sud”, anche nei restanti impianti di Gioia Tauro e di Siderno saranno messe in campo opportune azioni di protesta fino a quando non si registreranno adeguati interventi istituzionali e non saranno ristabilire, dall’azienda Ecologia Oggi, corrette relazioni sindacali. Comprendiamo le difficoltà di un’azienda che con gli affidamenti temporanei – conclude- non può sviluppare adeguate politiche d’impresa sull’insieme del processo ma, certamente può e deve garantire un adeguato processo lavorativo in cui i lavoratori hanno la solo colpa di fare più del loro dovere ed in condizioni certamente non facili”.