Reggio, nuove deleghe per sette consiglieri comunali: il progetto di Falcomatà [FOTO&VIDEO]

Il sindaco di Reggio Calabria, Giuseppe Falcomatà, ha presentato ufficialmente i sette consiglieri comunali che si occuperanno di specifici settori della vita pubblica

deleghe consiglieri1“I magnifici sette”, così li ha simpaticamente definiti il sindaco Giuseppe Falcomatà: sono i sette consiglieri, presentati stamane in conferenza stampa, che sosterranno il primo cittadino di Reggio Calabria e la Giunta in alcuni settori specifici.

“Le deleghe – ha spiegato Falcomatàsono il frutto di una scelta tesa ad incrementare la partecipazione alla vita cittadina e a far si che in alcuni settori nevralgici dell’amministrazione ci sia la competenza tecnica di chi ne capisce davvero”. Tra i consiglieri delegati, che volontariamente e senza potere di firma e di spesa hanno deciso di “immolarsi” per la città, c’è Rocco Albanese, per quanto riguarda la manutenzione stradale, del cimitero e dell’illuminazione pubblica.

“Dobbiamo fare i conti – ha affermato Albanesecon una cattiva gestione, se non nulla, del passato. Noi lavoreremo in modo da garantire l’efficienza del settore. Una raccomandazione va ai cittadini, perché adoperino nel rispetto del nostro lavoro, un lavoro che vedrà un rigido controllo eseguito anche sulle imprese. Per adesso – ha concluso Rocco Albaneseci stiamo occupando di quella che è la manutenzione ordinaria, in attesa della gara riferita a quella straordinaria”.

deleghe consiglieri8“Non sempre partire in ritardo è uno svantaggio”, ha aggiunto l’avvocato Riccardo Mauro, consigliere comunale delegato alla Città metropolitana, che ha oggi evidenziato il suo totale appoggio al sindaco Falcomatà, come ha fatto anche Francesco Gangemi, che si occuperà dei rapporti con le società partecipate: “il sindaco – ha detto Gangemiha ben chiaro il progetto da portare avanti e noi cercheremo di fare il possibile per sostenerlo al meglio”.

Un sostegno che giunge anche nel settore dell’igiene e della sanità, che sarà vigilato costantemente dal Dottor Valerio Misefari: “la gestione della sanità – ha dichiarato il consigliere Misefariè affidata alla Regione, ma noi come Comune abbiamo il dovere di intervenire per rendere degni del loro nome i nostri presidi sanitari”.

Sette volontari, dunque, a cui si deve aggiungere Paolo Brunetti, che già da tempo, ma da adesso in maniera ufficiale, si occupa del sistema idrico e fognario cittadino: “speriamo che in breve tempo – parole di Brunettipossiamo dare una risposta positiva e forte alla città, dove finora, in riferimento al settore di cui mi occupo, non c’è ancora stata una progettazione seria”.

Ed una seria progettazione è necessaria anche per quanto riguarda l’edilizia residenziale pubblica, un settore a cui è stato delegato Giovanni Minniti, che ha esordito dicendo: “noi adesso subentriamo dopo 12 anni di una non sana gestione del settore, devastato anche da un brutto rapporto diritto-dovere dei cittadini. Il patrimonio edilizio – ha chiosato Minniti è al centro del progetto di rinascita della città”.

deleghe consiglieri10Un patrimonio (quello edilizio) da tutelare, quindi, ma anche da saper gestire al meglio d’ora in avanti; proprio per tale ragione, il sindaco Falcomatà ha ricordato stamane la volontà di riprendere le graduatorie per l’assegnazione degli alloggi, da individuare, dopo una mirata e scrupolosa verifica, anche tra i beni confiscati alla criminalità organizzata.

E per concludere, e definire così il quadro completo sui sette consiglieri comunali ai quali sono state affidate queste nuove deleghe, ad occuparsi del settore della Protezione Civile sarà il consigliere Antonio Ruvolo.

“Dobbiamo tenere conto  dell’emergenza degli sbarchi sulle nostre coste – ha detto Ruvoloper questo saremo sul campo per parecchi mesi, considerando anche gli altri problemi con i quali deve fare i conti il nostro territorio, come l’altissimo rischio sismico, per cui manca un piano di emergenza aggiornato, o il rischio idrogeologico”.

Una presentazione, quella di stamattina, di sette persone, che come emerso “mettono la faccia e si spendono per il bene della città”.