Reggio: migliaia di “meduse” spiaggiate sul lungomare di Pellaro [FOTO]

Migliaia di meduse si stanno spiaggiando sulle rive antistanti la via marina di Pellaro a Reggio

meduse6“Se avessimo potuto osservare i mari primordiali avremmo assistito ad uno spettacolo simile a quello che oggi si è potuto osservare lungo i pennelli del lungomare di Pellaro”. Lo afferma Francesco d’Aleo Specializzando in Microbiologia e Virologia inviando una nota a StrettoWeb.

“Migliaia di esemplari di Pelagia nocticula conosciuta volgarmente come “medusa dalle strisce porpora”, portate dalle correnti si stanno spiaggiando, appunto, sulle rive antistanti la via marina pellarese. Medusa molto comune in mediterraneo, la Pelagia è dotata di tentacoli fortemente urticanti.  Talora appare in grandi branchi trasportati dalla corrente anche, se l’ombrella, appare dotata della capacità di effettuare contrazioni ritmiche”.

“Accanto alla Pelagia, – prosegue e conclude il biologo – si stanno spiaggiando numerose altre meduse conosciute come Velella velella o più comunemente come “barchetta di San Pietro”, quest’ultima tuttavia a differenza della prima è dotata di tentacoli urticanti completamente innocui per gli esseri umani. La Velella inoltre si può considerare un “animale composto” in quanto formato da diversi individui, gli zoidi, che svolgono funzioni separate”.