Reggio: “infermieri spremuti come limoni nell’Azienda Bianchi Melacrino Morelli”

Anoldo: “hiederemo l’istituzione di una Commissione che valuti il fenomeno del demansionamento infermieristico. Gli infermieri sono sempre di meno ed hanno carichi di lavoro sempre più pesanti”

Consegna macchinari ospedale Riuniti le Cicliche“Chiederemo l’istituzione di una Commissione che valuti il fenomeno del demansionamento infermieristico. Gli infermieri sono sempre di meno ed hanno carichi di lavoro sempre più pesanti, sono costretti a saltare riposi per garantire l’assistenza ai cittadini. Addirittura vengono richiamati in servizio senza che siano in pronta disponibilità”. E’ quanto sostiene Francesco Anoldo del Movimento Indignati. “In molte Unita Operative – prosegue Anoldo – si lavora senza personale di supporto e quindi gli infermieri sono costretti a svolgere “mansioni inferiori” come il rifacimento dei letti,l’igiene dei pazienti, la pulizia di carrelli e addirittura trasportare i pazienti da da una divisione ospedaliera (Morelli) ad un’altra (OORR ) in ambulanze private,Senza l’ausilio dei dispositivi di protezione individuale, senza una reale copertura Assicurativa in caso di incidentee soprattutto lasciando i reparti già sotto organico scoperti di un ulteriore unità Infermieristica. -Sottolinia Anoldo -che l’ infermiere in Ambulanza in assenza di Medico non è autorizzato a somministrare farmaci, o eseguire altro trattamento in caso di malore del paziente stesso. Nonostante il Cambio al vertice si riscontra comunque una Dirigenza Aziendale sorda alle necessità dei suoi dipendenti come l’istituzione delle mense aziendali anche nei presidi periferici , la regolamentazione delle prestazioni aggiuntive, il Piano delle Emergenze, Regolarizzazione del personale che ormai da 10 anni lavora in regime di Precariato, l’assunzione di ulteriore personale Infermieristico ed Operatore Socio Sanitario. Se non vedremo-Conclude Anoldo- una maggiore attenzione verso gli Infermieri e soprattutto azioni che risolvano queste problematiche ed altre problematiche a cui noi del Movimento Indignati teniamo in modo particolare, perche riguardano e la dignità professionale ed umana di lavoratori e soprattutto perché queste come tante altre situazioni compromettono il Diritto alla salute dei Cittadini, si renderà obbligatorio arrivare a denunciare tutto questo alla Procura della Republica”.