Reggio: inchiesta “Ceralacca”, in 27 davanti al Gup per l’udienza preliminare [NOMI]

In 27 davanti al Gup di Reggio che devono rispondere di associazione per delinquere finalizzata alla turbativa d’asta, corruzione e rivelazione del segreto d’ufficio

soldiIn 27 dinanzi al Tribunale di Reggio, stamani, hanno “risposto” di associazione per delinquere finalizzata alla turbativa d’asta, corruzione e rivelazione del segreto d’ufficio nell’ambito dell’inchiesta “Ceralacca”. Secondo l’accusa c’era una “regia occulta” che pilotava gli appalti pubblici in provincia di Reggio e Catanzaro. Le gare finivano sempre in mano ad un gruppo di imprenditori di Gioia Tauro.

I NOMI:

Giuseppe Bagalà (Gioia Tauro); Carmelo Bagalà (Gioia Tauro); Francesco Bagalà (Gioia Tauro); Giuseppe Bagalà (Gioia Tauro); Mario Torresani (Milano); Domenico Lamonica (Catanzaro); Antonio De Clariti (Reggio, ); Luigi D’Amico (Reggio); Francesco Bagalà (Gioia Taur); Massimo Siciliano (Catanzaro); Isidoro Galiardi (Crucoli Crotone); Luigi Cosentino (Cosenza); Marianna Montirosso (Squillace); Mariarosaria Barranca (Squillace); Giuseppe Riccio (Crotone); Giulio Riciuto (Pizzo); Pietro Teti (Soverato); Michele Siena Clericuzio (Catanzaro); Francesco Cianflone (Serrastretta); Andrea Romano (Siderno); Nicola Pelle (Antonimina); Beniamino Murdaca (Locri); Franco Santagada (Villapiana); Francesco Mingadaro (Gioia Tauro); Francesco Bagalà (Gioia Tauro); Vincenzo Bagalà (Gioia Tauro); Antonio Scaramuzzino (Lamezia).