Reggio: “apprendo con compiacimento la decisione di promuovere la rotazione dei dirigenti comunali”

palazzo san giorgio“Apprendo con vivo compiacimento che la decisione assunta dalla Giunta, di promuovere la rotazione dei dirigenti comunali, è diventata una realtà. Personalmente esprimo soprattutto soddisfazione perché, a proposito del provvedimento che mi riguarda, esso va letto anche come l’esecuzione della richiesta da me inoltrata il 5 maggio 2014 prot. 6938 per il trasferimento ad altro Settore alla gestione commissariale presieduta dal prefetto Chiusolo, che però non ebbe l’opportunità di darvi corso perché, data la mia posizione di unico dirigente comunale vincitore di concorso pubblico di area tecnica, la legge prevede sostituzioni solo a condizione che l’Amministrazione attinga a professionalità esterne al Comune. Con l’occasione allegavo anche una sorta di consuntivo sullo stato dell’arte delle intraprese comunali in materia di lavori pubblici, relazione rimasta agli atti cui si aggiunge lo screening sul Decreto Reggio che in data 16/03/2015 prot. 3853, per essere in linea con i progetti dell’Amministrazione, ho inviato al sindaco Falcomatà, in modo da agevolare la tempestività della presa di consegne” afferma in una nota l’arch. Marcello Cammera. “Vero è, infatti, che la rotazione dei dirigenti e dei funzionari comunali rientra perfettamente fra le intenzioni contenute nel programma elettorale della nuova Amministrazione, ragion per cui la riorganizzazione della struttura organizzativa è diventata la condizione necessaria per rilanciare e sostenere nuove azioni di governo all’altezza delle grandi aspettative di rinnovamento che la città, disillusa tante volte, attende con ansia. In quest’ottica – prosegue- sono altresì certo che le professionalità espresse dall’apparato burocratico comunale, se ben dirette, saranno certamente all’altezza dei nuovi compiti. E allora ben venga la realizzazione di un progetto che è propedeutico e fondamentale per qualsiasi strategia di crescita si immagini di realizzare con una metodologia innovativa che, in questo caso, coniugherà l’efficienza e l’efficacia della azione amministrativa con la rotazione ciclica del personale, condizione inderogabile se si vuol essere in sintonia con quanto previsto dalla legge 190/2012 che regola le disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell’illegalità nella Pubblica Amministrazione. Dunque siamo di fronte ad un atto dovuto, – conclude- cui però plaudo con l’orgoglio di chi, considerato il momento difficile che attraversa la società reggina, continuerà ad esercitare il ruolo che gli verrà assegnato con lo stesso spirito di servizio di sempre”.