Reggina, adesso i tifosi voglio denunciare Stefano Palazzi per “abuso d’ufficio” e preparano un dossier

I tifosi della Reggina sui social network tuonano contro le “assurde” richieste del Procuratore Federale Stefano Palazzi, 9 anni dopo l’incredibile -15 di Calciopoli, ancora una volta nel mirino per un evidente accanimento nei confronti della squadra di Reggio Calabria

1281534-palazzi

Ne abbiamo già parlato ieri sera: il Procuratore Federale Stefano Palazzi, alla fin fine, sta facendo un favore a Lillo Foti, spostando su di se’ le attenzioni della tifoseria reggina che lo accusa, non certo senza elementi che possano sostenere questa tesi, di un incredibile accanimento contro la squadra di Reggio Calabria, dopo i precedenti degli scorsi anni, dallo scandalo di Calciopoli nel 2006 a quello del Calcioscommesse tra 2011 e 2012.

stefano palazziPer questa stagione, 2014/2015, il Procuratore Palazzi ha chiesto complessivamente 20 punti di penalizzazione per la Reggina: 4 sono stati restituiti dalla Sezioni Unite della Corte Federale, che ha riconosciuto le ragioni del club (ma intanto comunque lo scorso autunno avevano compromesso il campionato della squadra), altri 4 stanno pesando come un macigno sulla classifica della Reggina che senza questa penalizzazione non sarebbe ultima e potrebbe guardare con più serenità all’obiettivo dei playout che adesso sembra molto difficile, e soprattutto i 12 richiesti venerdì su cui il Tribunale Federale dovrà decidere lunedì.
La Reggina, è bene precisarlo, sta pagando regolarmente gli stipendi dei propri calciatori e dipendenti. La Reggina sta garantendo l’ordinaria amministrazione, la manutenzione e la gestione dello stadio Granillo, addirittura la settimana prima di Pasqua il CdA del club ha approvato il bilancio del secondo semestre del 2014 con un attivo di oltre 230 mila euro.

Messina Reggina derby (79)Eppure secondo il Procuratore Palazzi, alla Reggina solo in questa stagione vanno comminati 20 punti di penalizzazione. Tutto questo in un campionato in cui ci sono società messe in mora dai calciatori, altri ragazzi-professionisti che non hanno mai ricevuto uno stipendio da inizio stagione in altri club, società senza presidente, con capi ultras come amministratori, con liberatorie firmate in bianco, ingaggi mai pagati, impegni disattesi, stadi distrutti nelle ore notturne per proibire lo svolgimento delle partite, gare programmate alle 12:30 del mattino per risparmiare sui riflettori degli stadi, società che rappresentano paesini di poche migliaia di abitanti che non riescono a stare in piedi.

Venti punti di penalizzazione nel calcio italiano non si erano mai visti prima nella storia per nessun tipo di scandalo. Il Parma fallito, senza società, dove i calciatori quest’anno non hanno mai visto un euro nonostante siano in serie A, la cui società che è fallita con oltre 100 milioni di euro di debiti (la Reggina ne ha 10, già rateizzati con il Tribunale e l’Agenzia delle Entrate) e con una serie di scandali amministrativi e giudiziari, è stato aiutato dalla Federazione e sta giocando in serie A con appena 3 punti di penalizzazione.

reggina curvaI tifosi della Reggina, a fronte di tutto questo accanimento, non ci stanno e minacciano una denuncia per “abuso d’ufficio” contro Stefano Palazzi, sempre alla guida della Procura Federale “da troppo tempo, ma lì non ruotano mai come nella giustizia ordinaria?“.
Venti punti di penalizzazione per la Reggina in Lega Pro: mai, nella storia, la Procura aveva chiesto così tanto nel calcio Italiano. Lo stesso Stefano Palazzi nel 2006 per Calciopoli (parliamo di Calciopoli, il più grande scandalo della storia del calcio italiano e probabilmente anche europeo!) aveva chiesto 17 punti di penalizzazione per la Juventus in serie B, 19 punti per la Fiorentina, 15 punti per la Reggina, 11 punti per la Lazio e 8 punti per il Milan. Tutte le altre società-satellite del sistema Moggi, a partire dal Siena e dal Messina sparite dal panorama calcistico che conta subito dopo quello scandalo, rimasero immuni. Anche nove anni fa, dopo “Calciopoli” per Palazzi la Reggina era l’artefice delle più grandi malefatte. Una penalizzazione incredibile, che è stata poi superata indenne soltanto grazie allo straordinario miracolo di quella squadra guidata da Walter Mazzarri. Oggi, invece, la Reggina non sembra avere le forze di andare oltre simili ostacoli, ma questo non può certo giustificare un accanimento del genere. E non è tutto.

reggina tifosi spalti (2)Calcioscommesse 2011: la Procura chiede -9 per il Benevento, -6 per Atalanta, Ascoli e Cremonese.
Calcioscommesse 2012: la Procura chiede -15 per l’Albinoleffe, -11 per il Piacenza, -8 per l’Ancona.

Mai, tra Calciopoli e Calcioscommesse, Palazzi aveva chiesto 20 punti di penalizzazione per una società, come invece ha fatto in questa stagione con l’evidente intento di affondare la Reggina. Sia chiaro, che Foti di errori ne abbia fatti nella gestione del club, e che la Reggina viva un momento di grande difficoltà da tutti i punti di vista, non è in discussione: è una realtà acclarata. Ma non può giustificare o consentire ai padroni del palazzo di prendersi gioco di una realtà che rappresenta una delle dieci Città Metropolitane d’Italia, una delle realtà più importanti del Sud, una città di 200.000 abitanti che negli ultimi due decenni ha dato grande lustro al calcio italiano.

reggina ischia (8)I tifosi della Reggina stanno preparando un dossier per denunciare Palazzi, e chiedono risposte. Chiedono cos’abbia fatto la Reggina per meritarsi 20 punti di penalizzazione, più di quanti non ne siano mai stati comminati a nessuna squadra italiana negli scandali più gravi della storia. Ma non solo.
Vorrebbero capire perchè il punto di penalizzazione per il ritardo nella presentazione della fideiussione dello scorso luglio, per la Reggina è arrivato il 17 febbraio e per l’Ischia, diretta concorrente degli amaranto, è arrivato soltanto il 9 aprile, dopo quasi due mesi. Parliamo della stessa identica irregolarità. Stesso peso, due misure.
Vorrebbero capire perchè il punto di penalizzazione per non aver pagato le ritenute Irpef e dei contributi Inps relativi agli emolumenti delle mensilità di settembre e ottobre 2014, alla Reggina è arrivato il 27 marzo mentre per il Savoia, altra diretta concorrente degli amaranto, è arrivato il 9 aprile, dopo due settimane. Parliamo della stessa identica irregolarità. Stesso peso, due misure.

reggina melfi 2-1 (6)I tifosi lo reputano un modo di falsare il campionato.
La prima penalizzazione di questa stagione la Reggina l’ha subita il 20 ottobre scorso. Era la squadra di Ciccio Cozza che dopo 9 giornate di campionato era tranquilla a metà classifica, con 9 punti raccolti in 9 partite, si trovava esattamente a metà della graduatoria, con 5 punti di vantaggio dalla zona retrocessione e due punti di vantaggio sulla zona playout, un derby trionfale sul Cosenza vinto 3-0 al Granillo per la gioia dei tifosi, e prospettive non certo così tragiche come l’attuale ultimo posto. Poi la batosta di 4 punti di penalizzazione che ha tagliato le gambe a una squadra giovane e inesperta, che in 9 partite dopo quella penalizzazione ha fatto un solo punto e un solo gol, subendo un evidente contraccolpo rispetto a quel provvedimento.
A febbraio quei 4 punti sono stati restituiti, ma chi ha risarcito il campionato della Reggina ormai compromesso da quel provvedimento sbagliato? Senza quel -4 nel momento iniziale della stagione, la Reggina di Ciccio Cozza avrebbe potuto compiere una stagione ben differente.
Chi vuole il mare della Reggina non è sembrato, forse, molto deluso dalla restituzione dei 4 punti alla Reggina: ormai il campionato degli amaranto era compromesso, i punti persi indirettamente sul campo per il contraccolpo di quella penalizzazione sono stati molti più di 4. Quella penalizzazione aveva tramortito la squadra. Poi i giudici hanno sentenziato che era sbagliata, ma intanto il danno era fatto.

reggina ischia (12)E adesso cosa succederà se il Tribunale Federale in primo grado dovesse dare ragione a Palazzi e poi gli organi successivi riconoscere, a stagione finita e con la Reggina retrocessa, le ragioni del club? Proviamo a immaginare che la squadra possa venire ripescata. Ma che razza di calcio è questo? E l’anno prossimo, lo scontro Palazzi-Reggina continuerà ancora? I punti di penalizzazione richiesti saranno 30 o 40?

Quando gli elefanti combattono è sempre l’erba a rimanere schiacciata. La Reggina e la Calabria intera gridano NO“. Con questo mega-striscione in curva Nord nel 2006 era iniziato il miracolo di Mazzarri & company. Oggi a gridare “NO” sono i pochi tifosi rimasti affezionati alla Reggina anche in questa categoria, non ci sono le condizioni per contrastare come nove anni fa l’inspiegabile accanimento del Palazzo. Ma questo calcio, a prescindere dall’episodio della Reggina, è sempre meno credibile…