Reggina, un altro tifoso: “ok la denuncia a Palazzi, intervengano anche le istituzioni sempre più assenti”

Un altro tifoso della Reggina scrive a StrettoWeb e accusa anche i politici di avere abbandonato la squadra. “Gli unici che continuano a venire allo stadio sono Scopelliti e Arena, ma ormai non rappresentano nulla. Ci piacerebbe che la Reggina fosse tutelata anche dal Sindaco e dai Senatori di questa città”

reggina logoUn altro lettore di StrettoWeb, Giuseppe Morabito, scrive a StrettoWeb commentando l’attuale situazione della Reggina: “gentile redazione, ho letto i vostri recenti articoli e mi compiaccio del fatto che finalmente qualcuno voglia fare qualcosa per difendere la nostra Reggina dall’accanimento storico che quest’anno sta raggiungendo livelli sconsiderati da parte del procuratore federale Stefano Palazzi, una vecchia conoscenza del nostro calcio. E’ davvero incredibile quello a cui stiamo assistendo, le squadre campane vengono aiutati in tutti i modi, la Reggina viene affossata, addirittura 20 punti di penalizzazione, e siamo tutti concordi nel dire che Foti di pasticci e di guai ne ha combinati tanti, ma fino a questo punto è veramente troppo. Sono pronto a firmare qualsiasi tipo di denuncia o iniziativa che voglia fare chiarezza, chiedere lumi o quantomeno far sentire la voce di una città sempre più calpestata. Però voglio aggiungere un’indicazione importante: a muoversi devono essere anche le istituzioni, i politici. Cosa fanno il Sindaco Falcomatà, il Presidente della provincia Raffa, il Presidente della Regione Oliverio, o i numerosi Senatori della Repubblica di Reggio Calabria? Nel 2006 tutti, Comune, Provincia e Regione, scesero in campo affianco alla Reggina per difenderla dall’incredibile -15 di Calciopoli, arrivato sempre da Palazzi. Oggi i nostri rappresentanti istituzionali neanche vengono più allo stadio. Ad onore del vero, gli unici politici che continuano a seguire la Reggina ogni weekend in modo assiduo sono Scopelliti e Arena, sempre in prima fila al Granillo, proprio loro che adesso sono “fuori dal giro” politico e non rappresentano nulla. La Reggina è rimasta con i suoi pochi tifosi affezionati, abbandonata da tutti gli altri, da tutti quelli che gioivano grazie alle sue imprese ai tempi della serie A e adesso anzichè starle vicino in un momento difficile, difenderla dai soprusi esterni ed aiutarla a superare le difficoltà interne, le voltano le spalle. A partire da Sindaco, Senatori, Presidenti di Regione e Provincia. Intervengano anche loro per difenderla e tutelarla. Non possono darle soldi ovviamente e nessuno glielo chiede, ma anche schierarsi in sua difesa, fare sentire la propria voce, in rappresentanza di cittadini e tifosi e come rappresentanti istituzionali, sarebbe molto importante. Nessuno si lamenti se tra qualche mese a Reggio Calabria non ci sarà più calcio: è quello che questa città sta meritando rispetto a quando la Reggina faceva sognare in serie A e tutti ci eravamo illusi di una grande Reggio moderna, vivace e ricca. Una città che oggi non c’è più, e purtroppo neanche quella Reggina c’è più. Cordiali saluti, Giuseppe Morabito“.