Prossime elezioni amministrative a Lamezia Terme: alcune precisazioni di “Cantiere Laboratorio”

L’Associazione culturale e formativa “Cantiere Laboratorio” comunica alcune sue precisazioni per le prossime elezioni amministrative di Lamezia Terme

reggio calabria elezioni spoglio comunali urna seggio (12)In vista delle prossime elezioni amministrative a Lamezia Terme l’Associazione “Cantiere Laboratorio” fa alcune precisazioni:

“Pur impegnata nel campo culturale e formativo, l’Associazione “Cantiere Laboratorio” si è spesa, negli ultimi mesi, nell’impegno per una sintesi delle forze politiche “identitarie” lametine di ritrovarsi in un’unica coalizione che potesse essere alternativa  alla sinistra e nello stesso tempo ai due principali schieramenti costituiti dal blocco guidato dall’avv. Paolo Mascaro e dal dott.Pasqualino Ruberto. Questo “progetto”, condiviso ed accettato da Fratelli d’Italia, Forza Nuova, Fiamma Tricolore e “Progetto Itaca”, aveva individuato nell’avv.Armando Chirumbolo, dimessosi da Forza Italia e candidatosi nella lista civica “Alleanza Popolare per Lamezia” il proprio candidato a sindaco senza nessuna riserva da parte di tutte le forze politiche che lo dovevano sostenere. L’ambizioso e unico “progetto”  delle forze di “destra” insieme per combattere una battaglia politica senza egoismi o particolarismi, in nome dei valori e dei principi che queste forze rappresentano e che poteva e puo’ rappresentare un “laboratorio politico”, si era concretizzato. A quel punto, il compito di Cantiere Laboratorio come collante tra le forze di destra, era esaurito. Non spettava certo ad un’associazione culturale dettare l’agenda e la linea politica della coalizione, ma al candidato a sindaco ed ai partiti e movimenti che lo sostenevano. Ma il percorso si è dimostrato difficile per vari motivi, sia interni che esterni. L’appello lanciato dal portavoce regionale di Forza Nuova di trovare una sintesi di tutte quei raggruppamenti politici in opposizione alla Sinistra ed allo schieramento appoggiato, tra gli altri, da Galati, Magno e Talarico, tra gli artefici del fallimento politico della città di Lamezia Terme, non ha trovato eco perché nessuno ha voluto fare un passo indietro  per il bene della città. Con l’uscita di Fratelli d’Italia prima e di Forza Nuova dopo, il “progetto” non aveva più motivo di andare avanti . A seguito di ciò riteniamo opportuno fare alcune precisazioni”.

“Cantiere Laboratorio ha manifestato e manifesterà - continua – sempre il suo disprezzo verso quanti vedono nella politica uno strumento di interesse personale e, nello stesso tempo, prende le distanze da chi la politica la vive come frenesia e smania di protagonismo. I progetti politici possono riuscire o non, ma l’importante è averci creduto ed aver tentato, per il bene stesso della “politica” e della Città, di portarlo a termine nel rispetto di tutti ma con la coerenza, l’onestà, la lealtà, la generosità, la buona fede nel rispetto della parola data che caratterizzano gli “Uomini” di Cantiere Laboratorio. Uomini che si assumono le loro responsabilità e non le scaricano; Uomini che non si vendono; Uomini che non sono “canne al vento” o banderuole al servizio di una casta “astuta e intelligente” ; Uomini che non si allineano al richiamo dei potenti di turno ma si schierano agli antipodi, dove la dignità e la libertà non possono essere macchiati: questo è Cantiere Laboratorio.

Non ci va questo tipo di politica fatta di fango, di Facebook, di venduti per meno di trenta denari, di opportunisti, di megalomani, non ci va che la gente e i suoi problemi vengano ignorati, non ci va che si continui a giocare sulla pelle dei lametini. Dovrebbe essere una competizione elettorale, ma sembra la recita di una commedia che il giorno dopo si tramuta in farsa e successivamente assomiglia sempra  più ad un appuntamento per uno spettacolo da circo. Ci auguriamo che non sia così, che ci siano uomini e candidati capaci di rappresentare le istanze e gli interessi della nostra terra. Lo speriamo. Lo speriamo vivamente.

Pertanto, Cantiere Laboratorio continua la propria “battaglia culturale” al servizio della comunità, testimoniando nel quotidiano che ci sono valori che non possono essere né venduti o barattati né infangati e per i quali vale la pena continuare a battersi  insieme anche ai tanti giovani “coraggiosi e onesti” che si stanno avvicinando a noi. I doppi o tripli giochi li lasciamo ai “professionisti” del settore, a chi gioca con più mazzi di carte, impegnati come sono nelle loro miserabili esistenze fatte di viltà e compromessi, poveri “maggiordomi” senza dimore e in tutte le dimore.

Infine, Cantiere Laboratorio augura buon lavoro a Fratelli d’Italia e Forza Nuova nella coalizione del dott. Ruberto e all’avv. Armando Chirumbolo in quello dell’Avv. Paolo Mascaro. E auspica che l’impegno politico di tutti gli schieramenti sia all’insegna della concretezza  per una politica capace di risolvere i gravosi problemi a cui il popolo lametino è sempre più esposto, e in larga parte causati da un metodo distorto di fare politica della sinistra e con la ben evidente complicità di uomini e partiti del centro destra tutt’ora in campo”.