Naufragio migranti, sopravvissuti giunti a Catania: fermati due scafisti

I superstiti del naufragio avvenuto al largo della Libia sono sbarcati a Catania, accolti dal ministro Delrio. Fermati due presunti scafisti, dopo essere stati riconosciuti dai sopravvissuti

immigratiSono arrivati a Catania stamane 27 dei 28 superstiti del naufragio avvenuto al largo della Libia. La nave Gregoretti, della Guardia Costiera, ha attraccato nel molo etneo, accolta dal ministro delle Infrastrutture e dei trasporti, Graziano Delrio, in rappresentanza del Governo.

Omicidio colposo plurimo, naufragio e favoreggiamento d’immigrazione clandestina: di queste accuse dovranno rispondere i due presunti scafisti del barcone.

I due, comandante tunisino e assistente siriano, sono stati fermati dopo essere stati riconosciuti sia dai sopravvissuti, che tramite delle fotografie dal giovane del Bangladesh ricoverato nell’ospedale di Catania. A confermalo, come si riporta sull’agenzia di stampa Ansa, il Procuratore di Catania, Giovanni Salvi.

Inoltre, secondo la ricostruzione dei superstiti, lo scafista che si trovava al comando del barcone avrebbe pilotato con poca attenzione nel tentativo di nascondersi e di non farsi riconoscere. L’imbarcazione, poi, si sarebbe scontrata con il mercantile King Jacob, arrivato nella zona per prestare soccorso.

“Foto di repertorio”