Messina, servizi sociali: la Cgil chiede la testa del ragioniere Cama

Il sindacato ha proclamato lo stato di agitazione dei lavoratori

clara crocèSe non dovessero arrivare gli stipendi, i lavoratori degli asili nido, dell’assistenza domiciliare ai disabili e dei CAG sono pronti ad incrociare le braccia. E’ questa la posizione espressa dalla FP-Cgil in merito ai ritardi nelle mensilità accumulati dal Comune rispetto a quanti operano nei servizi sociali. La segretaria di categoria, Clara Crocè, chiede un chiarimento ufficiale all’assessore Mantineo e contestualmente invoca la rimozione del ragioniere Cama il quale, secondo la sindacalista, “disattende le disposizioni“. Da qui la decisione di proclamare lo stato di agitazione del personale, nell’attesa di ulteriori riscontri.