Messina, il portale dell’Ateneo ritrovi l’antico splendore: Navarra lancia il sasso nello stagno

L’università vuole valorizzare l’antico portale sfruttando il 5 per 1000

unime sede“Una Porta verso il Futuro” è il nome del programma di ricerca e recupero mirato a valorizzare l’antico portale dell’Università, collocandolo all’ingresso del plesso centrale dell’Ateneo. Un progetto da sostenere anche attraverso la raccolta fondi del “5 per mille”.

L’iniziativa è stata presentata dal Rettore, prof. Pietro Navarra, dal Coordinatore del Collegio dei Prorettori, prof. Giovanni Cupaiuolo, dal prof. Nicola Aricò, Docente di Storia dell’Architettura e dal Direttore Generale, prof. Francesco de Domenico.

Posizionato attualmente all’interno dell’Università dal lato di via G. Venezian, il portale è uno stupendo esempio di stile manierista e costituiva l’ingresso principale del Collegio dei Padri Gesuiti (il primo fondato nel mondo dalla Compagnia di Gesù di S. Ignazio di Loyola).

L’Università – ha detto il Rettore – vuole fare un salto nel passato per guardare al futuro, crediamo che il portale meriti una visibilità che al momento non ha. La campagna promozionale parte dalla donazione del 5×1000, ma durerà due anni”.

Questo portale – ha sottolineato il prof. Aricò, che coordinerà il progetto di recupero – è una bella lezione di storia dell’architettura che si colloca tra il secondo e il terzo decennio del 1600, anche se non si ha certezza dell’autore. L’obiettivo è quello di restituire questa testimonianza nel senso più autentico, perché lo si potrà finalmente varcare per introdursi all’interno dell’Ateneo”.

“Il cantiere sarà a cielo aperto – ha concluso il prof. Cupaiuolo – e tutta la cittadinanza potrà seguire i lavori di restauro, in una struttura a vetri che sarà allestita all’interno del cortile”.