Messina, in corso le procedure d’identificazione per i migranti sbarcati in città

L’ex Ipab di Scandurra e il centro d’accoglienza di Pozzallo pronti ad aprire le proprie porte

TRASBORDO migrantiIl primo sbarco del 2015 sulle coste cittadine si è registrato stamane, allorquando 99 profughi sono arrivati sulla banchina del molo Colapesce. Ancora una volta a cercare rifugio sulle coste isolane sono senegalesi e libici, provenienti da territori con alto tasso di criticità. Arrivati in riva allo Stretto, i migranti stanno attualmente effettuando i rilievi utili per il processo d’identificazione. Non sarebbero emerse tracce degli scafisti. Dei cento migranti giunti sul suolo cittadino, trenta saranno indirizzati all’ex Ipab di Scandurra, mentre la restante settantina verrà trasferita al centro d’accoglienza di Pozzallo.