Messina, i Franza dettano le regole agli autotrasportatori: sul serpentone non sarete multati

La replica indignata di Cacciola: resistenze inconcepibili

messina cittàI camion che transiteranno sul Serpentone non saranno multati: è questo il monito che la Cartour ha recapitato agli autotrasportatori, ridisegnando di fatto i confini degli imbarchi lungo la rada San Francesco. Per l’azienda “l’area è sottoposta al controllo ed alla vigilanza dei militari della Capitaneria di Porto e le funzioni di polizia stradale vengono svolte esclusivamente dai militari della capitaneria”. Come a dire: nessun vigile urbano potrà emettere verbali. Una posizione che ha fatto drizzare i capelli all’assessore Cacciola: “a nessuno può essere consentito di prendere iniziative in aperta violazione di codici e regole. Sorprende certamente che un fatto del genere sia potuto accadere, ma ancor di più amareggia perché conferma una resistenza alla possibilità di costruire percorsi condivisi, nell’interesse della città, nella convinzione da parte di qualcuno che i problemi si affrontino solo con le armi scovate da esperti in cavilli. Se un cartello proprio si voleva piazzare – conclude l’esponente della Giunta Accorinti -  avrebbe dovuto indicare semmai in modo inequivocabile agli autisti dei TIR di dirigersi senza alcuna esitazione a Tremestieri. Perché l’approdo di Tremestieri, quando risulti agibile, non ci stancheremo mai di ripeterlo, è l’unico porto che i mezzi pesanti possono utilizzare”.