Messina, differenziata porta a porta: il bilancio del primo giorno è fallimentare

I 12mila messinesi coinvolti non hanno risposto agli appelli dell’Amministrazione: dovevano distinguere l’umido dagli altri rifiuti, invece nei sacchetti c’era di tutto

RIFIUTI: IN VDA CRESCE RACCOLTA DIFFERENZIATA QUALITA'Rifiuto differenziale recuperato pari a zero“: è questo il bilancio negativo che la Gazzetta del Sud traccia in relazione alla prima giornata del porta a porta nei villaggi interessati. Le 12mila persone coinvolte non hanno effettuato alcuna distinzione, inserendo nei sacchetti tutta l’immondizia possibile e immaginabile. All’interno di MessinAmbiente, però, non è prevalso lo sconforto: quanto avvenuto era un rischio calcolato, essendo l’operazione destinata a dare frutti nel medio-lungo periodo. E’ una fase di transizione che richiede costanza e continuità: solo così, garantiscono Ciacci e i suoi collaboratori, si potrà spezzare la spirale perversa in cui è finita la città.