Messina, c’è l’ok del Senato: la Camera di Commercio si salverà

Disco verde da Palazzo Madama. Adesso manca l’ultima formalità

camera di commercio messina xLa Camera di Commercio manterrà la sua autonomia: è stato approvato ieri, al Senato, l’emendamento che prevedeva la salvaguardia degli enti camerali siti nelle città metropolitane. La notizia è stata comunicata con gioia da Bruno Mancuso, esponente del Gruppo Area Popolare, artefice di questa battaglia. “Siamo riusciti a convincere il Governo ad accettare questa deroga rispetto ai rigidi parametri che prevedono la riduzione del numero delle attuali camere di commercio da 105 a non più di 60” ha affermato il senatore di Ncd. Manca, però, un ultimo passaggio: “Per evitare però che questa diventi una vittoria di Pirro – conclude Mancuso – è bene attendere un successivo decreto legislativo, che dovrà essere emanato dal Governo entro dodici mesi, per la riforma dell’organizzazione, delle funzioni e del finanziamento, e che la Regione siciliana si impegni a risolvere la questione del fondo perequativo che preoccupa non poco la Camera di commercio di Messina”.