Messina, bancarotta fraudolenta: 3 arresti e 4 aziende sequestrate

Un’indagine portata avanti dal 2013 ha svelato una maxi-evasione da 5 milioni di euro

Guardia di finanzaLa Guardia di Finanza di Messina ha disposto l’arresto di tre persone ed il sequestro di quattro aziende al termine di un’indagine condotta sulla bancarotta fraudolenta. Sono dieci, in totale, gli indagati, considerati responsabili a vario titolo di associazione a delinquere, ricettazione ed infedeltà patrimoniale. Questi avrebbero dato vita ad una maxi evasione milionaria curata attraverso fallimenti pilotati delle aziende. Le indagini, condotte dalla primavera del 2013, hanno fatto emergere l’esistenza di una cabina di regia costituita da un unico gruppo che si faceva scudo di molteplici sigle per accumulare debiti. Esso operava nel commercio di carne e nella macellazione, non a caso la Procura ha contestualmente nominato un amministratore per la cura di 105 bovini e 35 ovini.