L’eurodeputata Pina Picierno incontra la cooperazione calabrese

LaPresse / Roberto Monaldo

LaPresse / Roberto Monaldo

Si è tenuto ieri un incontro voluto dall’UNCI Calabria alla presenza dell’Euro Deputata P. Picierno e del Consigliere Domenico Battaglia, per discutere dei temi che interessano la cooperazione non solo a livello locale, ma con un occhio al contesto europeo e alle normative che, di rimando, recepisce la nostra regione. I vertici dell’UNCI CALABRIA hanno affrontato argomenti che, spaziando dall’accesso ai finanziamenti europei alle direttive comunitarie che interessano in particolar modo il settore della pesca, stanno molto a cuore alla federazione in quanto rappresentativa e portavoce di numerose cooperative calabresi. L’eurodeputata ha garantito che l’impegno nelle varie commissioni europee da parte di tutti i componenti di rappresentanza italiana, e calabrese, è notevole affinché si semplifichino sempre di più gli iteri procedurali atti a far recepire le normative sui territori locali, nella misura più semplice possibile. E per la cooperazione lo sforzo è maggiorato dalla particolarità del settore a livello nazionale e delle singole regioni. L’UNCI CALABRIA ha fatto presente la situazione, già conosciuta a fondo dal consigliere Battaglia, della cooperazione calabrese, delle sue prospettive e difficoltà causate anche da una legislazione vecchia e non al passo con i tempi che impongono un aggiornamento costante, e ha chiesto a tutti gli esponenti politici presenti un impegno fattivo affinché le situazioni di stallo che la vedono ancorata al passato si possano superare per raggiungere obiettivi di crescita che da tempo la cooperazione si è prefissata e, con i soli propri sforzi, sta tentando di raggiungere. Le cooperative, quelle calabresi e del meridione in generale soprattutto, meritano un attenzione da troppo tempo ricercata e meritata da risultati che in questi tempi di crisi non hanno raggiunto altri tipi di imprese e che hanno sostenuto i vari settori, soprattutto il sociale, evitando collassi irrimediabili e dalle conseguenze catastrofiche. L’On. Picierno, nel complimentarsi per una realtà solida e purtroppo spesso sconosciuta, consapevole dell’importante ruolo che riveste la cooperazione e meravigliata che quella calabrese sia cosi forte e competitiva con altre regioni ad essa storicamente legate, ha aggiornato la sua agenda di lavoro dando priorità alle tematiche di interesse per il movimento cooperativo. L’impegno è stato garantito da tutti con atti concreti e imminenti, e l’Unci Calabria è lieta di aver dato, ancora una volta e con una visibilità più ampia, voce alla cooperazione calabrese.