Gratteri: “i viadotti crollano perchè li costruiscono con terra e acqua”

LaPresse/Roberto Monaldo

LaPresse/Roberto Monaldo

“Le costruzioni crollano perché sono fatte in difformità al progetto”: lo ha detto il procuratore aggiunto presso la Procura di Reggio Calabria Nicola Gratteri, ospite a diMartedì su La7, rispondendo a una domanda sulle recenti vicende dei crolli nelle opere pubbliche. Secondo il magistrato è sbagliato “costruire con le gare al massimo ribasso. Si stanno costruendo opere con acqua e terra, mi auguro che non arrivi un terremoto di sesto o settimo grado”, ha aggiunto.