Enna, Crisafulli stravince alle primarie: “ho battuto i gufi”

L’ex senatore ottiene un plebiscito e si candida a guidare il comune siciliano

vladimiro crisafulliA Enna vinco col maggioritario, col proporzionale e anche se estraggono un nome a sorte“: con queste parole Mirello Crisafulli ha sempre raccontato il forte rapporto che lo lega alla provincia siciliana. Ed il suo feudo non ha tradito le aspettative: in occasione delle primarie, l’alto papavero del Pd ha ottenuto 2.117 voti, conquistando il 73,7% dei consensi. Sarà lui, dunque, a correre per la guida del Comune.

Una rivincita dopo l’umiliazione del 2013, quando – per pendenze giudiziarie – da senatore gli fu negata la ricandidatura a Palazzo Madama. Un’onta che Crisafulli ha superato, evidenziando oggi come neppure una contravvenzione per divieto di sosta possa essere esibita per sbarrargli la strada. Così il segretario provinciale non ha voluto risparmiare stoccate all’establishment romano, dicendo di aver sconfitto i gufi di renziana memoria.

Credo che fosse legittima qualsiasi obiezione di natura politica alla mia candidatura. Potevano dirmi che rappresento il vecchio o che ho la pancia, che ne so. Ma doveva venire qualcuno a spiegare, a motivare il no a Crisafulli” ha commentato l’esponente del Pd riferendosi alle parole al vetriolo spese contro di lui dalla governatrice Debora Serracchiani. Crisafulli sarà pertanto il candidato sindaco di Enna, la guida di una coalizione composta dai democratici, da Ncd e Udc.