Catanzaro-Messina 0-0, le pagelle di StrettoWeb. Corona l’inossidabile, Orlando “sciagurato”

© Furrer

© Furrer

Fosse stato un incontro di boxe il Messina avrebbe meritato la vittoria ai punti. Lo 0-0 maturato sul campo del Catanzaro fa pensare ad un equilibrio che in realtà i peloritani hanno provato più volte a scardinare. La tremenda fatica dell’undici biancoscudato ad andare in gol sembra prendere una piega ancora più decisa dopo la trasferta calabrese, ma la voglia e lo spirito di sacrificio che i calciatori hanno messo in campo può far ben sperare per le prossime partite.

Ecco le pagelle di giallorssi:

Berardi, voto 6 – Spettatore non pagante, per lui un voto ti stima.

Cane, voto 5,5 - Mette un cross perfetto nel primo tempo non sfruttato al meglio da Orlando. Si concede le solite amnesie in fase difensiva.

Altobello, voto 6 - Sempre concentrato, buona gara.

Stefani, voto 6,5 - Determinante quando si tratta di sbrogliare possibili grattacapi.

© Furrer

© Furrer

Pepe, voto 5,5 - Ancora non al top

Benvenga, voto 6,5 - Sempre presente quando si tratta di spingere sulla corsia mancina, si concede anche un’azione personale sfiorando un gran gol.

Damonte, voto 5,5 - Soliti errori in fase di impostazione. Non assistito dalla fortuna nelle conclusioni aeree (vedere salavataggio sulla linea di Giampà all’81^esimo).

Nigro, voto 5,5 – Tanta corsa in mezzo al campo ed un lancio preciso per il compagno con la maglia numero 9.

Mancini, voto 6 - Tenta di illuminare l’attacco giallorosso ma senza risultare determinante.

Izzillo, voto 6,5 - Appare a suo agio quando agisce nei pressi dell’area avversaria, spina nel fianco dei calabresi

© Furrer

© Furrer

soprattutto nel primo tempo deve strozzare il suo urlo al gol causa chiamata di fuorigioco.

Orlando, voto 5 - Sulle spalle il peso dell’attacco, sui piedi almeno due nitide palle gol in cui poteva fare di più. Spreca nel peggiore dei modi l’occasione di mettere in mostra il suo repertorio. Al suo posto subentra Corona, voto 6 - L’inossidabile bomber di Cinisi viene accolto dagli applausi scroscianti dei 2000 del “Ceravolo”. Ringrazia con due girate di sinistro, ed una di destro che mancano il bersaglio di pochissimo.