23 aprile: Reggio rinnova l’antichissima devozione per San Giorgio, Santo Patrono della città

Reggio Calabria rinnova anche quest’anno la sua antichissima devozione per San Giorgio, patrono della città

San Giorgio 02Oggi, 23 aprile, a Reggio Calabria è festa patronale. L’origine dell’antichissimo culto reggino a San Giorgio risale agli inizi dell’XI secolo ed è legato all’episodio che portò Reggio Calabria ad infliggere una sconfitta ai saraceni che insidiavano le coste calabresi. Nel 1086 il saraceno Bonavert di Siracusa sbarcò a Reggio distruggendo il monastero di San Nicolò sulla Punta Calamizzi e la chiesa di San Giorgio danneggiando le effigi dei Santi, ma il duca Ruggero Borsa contrattaccò ed inseguì Bonavert, lo uccise in battaglia e conquistò Siracusa. Per questa vittoria i reggini adottarono San Giorgio a loro protettore, si dice infatti che Ruggero sarebbe stato assistito dal Santo contro Bonavert.

San Giorgio 05Proprio a questo periodo corrisponde infatti l’antichissima devozione della città a Giorgio, documentata anche dal fatto che al santo furono dedicate molte chiese della città (tra cui San Giorgio di Sartiano in La Judeca, San Giorgio di Lagonia, San Giorgio intra moenia e San Giorgio extra moenia). In particolare nella chiesa di San Giorgio al Corso, tuttora esistente nel cuore della città, nel medioevo si eleggevano i tre sindaci della città con un solenne atto ai piedi dell’altare del santo patrono.

In particolare a San Giorgio intra moenia (o San Giorgio de Gulpheriis), tuttora esistente nel cuore della città, con un solenne atto ai piedi dell’altare del santo patrono si chiudevano ogni anno le elezioni municipali. Pubblicate le liste elettorali al palazzo di città, venivano poi sorteggiati i consiglieri, quindi tra questi si decidevano sei nomi che venivano chiusi dentro palline di argento e messi in borsette separate secondo i ceti che a loro volta erano poste sull’altare di San Giorgio; l’ultimo giorno dell’elezione, dopo la messa dello Spirito Santo, avveniva per mano di un bambino l’estrazione dei i tre sindaci che avrebbero governato per un anno il comune.