Spari in aria a Reggio: uomo bloccato in auto, forse era ubriaco

Nell’auto gli oggetti ritrovati dalla Polizia scientifica

foto (1)

Ha sparato in aria due colpi di pistola senza mai scendere dalla macchina, ma quando e’ stato bloccato dalla polizia non ha opposto resistenza. Fausto Bortolotti, di 61 anni, e’ l’uomo che ha sparato in aria nei pressi del Teatro Francesco Cilea di Reggio Calabria, proprio mentre Magistratura democratica sta celebrando il XX congresso nazionale. All’interno del teatro, al momento del fatto, era ancora presente il ministro della Giustizia Andrea Orlando. Bortolotti, nativo di Cene in provincia di Bergamo e residente a Ventimiglia, con diversi precedenti penali per furtarelli, e’ arrivato nei pressi del Teatro a bordo di un vecchio fuoristrada Suzuki Jimmy di colore rosso, percorrendo il Corso Garibaldi, il cui transito e’ consentito solo alle forze dell’ordine e agli automezzi di emergenza. Giunto a un isolato dal teatro l’uomo ha esploso dal finestrino un colpo di pistola, poi rivelatasi una calibro 7.65, in aria. Ha continuato a percorrere pochi metri in auto quindi ha esploso un secondo colpo sempre dall’auto e sempre in aria. Questa seconda volta, pero’ e’ stato notato da alcuni poliziotti in servizio scorta. Gli agenti sono piombati addosso all’uomo, che ancora in auto stava tentando di allontanarsi, ma non ha opposto resistenza all’arresto. Quindi l’uomo e’ stato preso in consegna da una pattuglia di Carabinieri e condotto al Comando provinciale dell’Arma. L’autovettura, ispezionata a fondo dagli specialisti del Gabinetto regionale di polizia scientifica, emanava un fortissimo odore di vino.