Sicilia, Raffaele Lombardo invoca l’assoluzione

L’ex governatore non ci sta e incalza i magistrati: “Mi sembra una aspettativa legittima”

Foto dell'ex governatore Raffaele Lombardo e del suo avvocato Guido Ziccone al Palazzo di giustizia di CataniaPrima di entrare nell’aula della terza sezione della Corte d’Appello per la prima udienza del processo di secondo grado che lo vede imputato in concorso esterno per associazione mafiosa, l’ex leader del Movimento per l’Autonomia si è fermato coi giornalisti rivelando le sue aspettative sul dibattimento: “voglio l’assoluzione – ha detto l’ex governatore – credo che la mia sia una aspettativa legittima“. In primo grado Raffaele Lombardo era stato condannato a sei anni ed otto mesi.