Sicilia: “nessun bimbo può essere definito ‘sintetico’”

neonato“Non si possono definire i bambini come ‘sintetici’ o ‘figli della chimica’. Ogni vita è sacra, ogni creatura è un dono di Dio, qualunque sia il metodo con cui è stata generata. Dobbiamo rispettare tutti il grande mistero della vita”. Così il Presidente della Regione siciliana, Rosario Crocetta, commenta con l’Adnkronos, la polemica tra il cantante inglese Elton John e gli stilisti Dolce&Gabbana sulle frasi pronunciate da Domenica Dolce sui figli in provetta, definiti “sintetici”. Crocetta, gay dichiarato, spiega: “Credo che Dolce e Gabbana abbiano voluto usare un paradosso, ma sono andati oltre a quello che si può dire”. Secondo il Governatore, l’Italia “potrebbe ancora non essere pronta alle adozioni dei gay – spiega – ma è pronta per le unioni gay”. Ma ribadisce sempre “l’importanza del rispetto per qualunque vita umana”. “Nessuno può ergersi a giudice rispetto a etica e morale – conclude Crocetta – che attengono a valutazioni della propria coscienza al mistero della vita”.

Appena pochi giorni fa l’Assemblea regionale siciliana aveva approvato il disegno di legge sulle unioni civili, unica regione italiana a farlo dopo la Liguria. La norma, fortemente voluta dal Partito democratico e dal governatore Rosario Crocetta, ma osteggiata da pezzi della maggioranza, a partire dall’Udc, è passata con 50 voti favorevoli, 5 contrari e 15 astenuti. Adesso sarà quindi istituito un registro regionale delle unioni civili, al quale potranno iscriversi le coppie di fatto, anche dello stesso sesso. In questo modo le coppie avranno diritto ad accedere a tutti i benefici in ambito sociosanitario concessi dalla Regione: dalle graduatorie per le case popolari, al bonus di povertà e a qualsiasi altra norma presente futura inserita in questo campo. Non solo. Le coppie potranno avere accesso paritario alle cartelle cliniche del compagno o della compagna in caso di ricoveri negli ospedali siciliani.