Reggio, trasporti pubblici: “che schifo. Un biglietto di 2 euro valido solo per una corsa”

La segnalazione di un nostro lettore, stanco delle troppe differenze esistenti in Italia nel sistema dei trasporti

segnalazione trasporti“Che schifo”: con queste parole un nostro lettore ci trasmette il suo disappunto sull’andamento del sistema dei trasporti pubblici a Reggio Calabria. Come si può notare dalla foto messa a corredo dell’articolo, vengono comparate due realtà troppo distanti tra di loro, e non solo dal punto di vista territoriale.

Quello dei trasporti pubblici è uno dei tanti problemi che attanaglia Reggio, di cui si sta ampiamente parlando in questi giorni, che colpisce tutte le fasce di età, dagli studenti che lamentano la mancanza di autobus diretti ai poli universitari, al resto dei cittadini che spesso si sono visti privati di un mezzo (pubblico) per muoversi  in città.

È nota ormai a tutti la situazione in cui versa la società ATAM, come anche i tentativi che il Comune ha portato avanti per cercare di risolvere i problemi finanziari che la riguardano. Ma dall’altra parte c’è la città, una città che a volte ha capito, altre volte no, altre ancora denuncia una carenza divenuta ormai insopportabile.  Ed il confronto nasce, e nasce sul territorio italiano questa volta, rimarcando quel divario che alcuni ancora oggi vogliono creare tra Nord e Sud.

“ATM Milano – si legge nella foto – 4,50 euro biglietto di 24h valido per autobus e metro (1-5-10-20 volte…); ATAM Reggio Calabria: 2,00 euro valido solo per una corsa [...]”.

Un’organizzazione, quella di Milano, da cui prendere sicuramente esempio, un tipo di organizzazione che si spera possa essere applicata anche qui a Reggio Calabria, perché, come si sta trasmettendo, i cittadini sono stanchi.

“Lettera firmata”