Reggio: sequestro per oltre 11 milioni ad importanti cosche della Piana di Gioia Tauro

L’operazione trae spunto dall’indagine nota come “IL CRIMINE” che aveva consentito di fare luce sui rilevanti investimenti fatti dalle principali cosche

Guardia di Finanza Reggio CalabriaGli uomini del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Reggio Calabria, unitamente a quelli dello SCICO di Roma, con la collaborazione del R.O.S. e del Comando Provinciale Carabinieri di Reggio Calabria, con il coordinamento della locale Procura della Repubblica, hanno eseguito una serie di provvedimenti di sequestro emessi dalla Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale, che hanno riguardato un’ingente patrimonio, riconducibile ad importanti esponenti di cosche di ‘ndrangheta operanti nella Piana di Gioia Tauro, del valore stimato di oltre 11 milioni di Euro.
L’operazione trae spunto dall’indagine nota come “IL CRIMINE” che aveva consentito di fare luce sui rilevanti investimenti fatti dalle principali cosche di ‘ndrangheta.
A seguito di una successiva analisi economico-finanziaria di tali elementi investigativi, gli uomini della Guardia di Finanza hanno accertato una palese sproporzione tra l’ingente patrimonio individuato ed i redditi dichiarati dai soggetti investigati, tale da non giustificarne la legittima provenienza.
Complessivamente sono stati sequestrati n. 28 beni immobili (terreni, fabbricati e complessi immobiliari), n. 17 società, n. 4 autovetture e varie disponibilità finanziarie.
Irrogate anche 9 misure di prevenzione personali della sorveglianza speciale nei confronti di altrettanti soggetti affiliati ai clan.