Reggio, rivelazioni shock di un pentito: “il clan dei Bellocco voleva uccidere i giudici Prestipino e Musarò”

La ‘ndrangheta voleva uccidere i due giudici antimafia: dovevani essere uccisi tra la fine del 2012 e il 2013 a Palmi

prestipino-QRivelazioni shock da parte di un un collaboratore di giustizia: il medico di Gioia Tauro Marcello Fondacaro vicino alle cosche della Piana. A detta del ” il Garantista”, il gioiese ha rivelato che il potente clan dei Bellocco avevano deciso di “ammazzare i magistrati antimafia Prestipino e Musarò”. L’omicidio si doveva compiere tra la fine del 2012 e il 2013 a Palmi, lungo il tragitto che i giudici percorrevano per giungere al Tribunale della città. Dichiarazioni che fanno riflettere. Fondacaro ha ‘svuotato il sacco’ in video conferenza da una località protetta, nel corso di un’udienza del processo “Onta”. Il medico fa emergere altri particolari: “conoscevano i modelli delle auto ed il colore. Chiesero anche il permesso alla cosca Gallico di Palmi, che rispose affermativamente”. Tante ombre e trame si annidano nella nostra martoriata terra.

Giudice Musarò Giovanni
Marcello Fondacaro
Giudice Prestipino