Reggio, ripulito il piazzale del CEDIR. Falcomatà: “altri piccoli passi verso la normalità”

Il sindaco Giuseppe Falcomatà alla cittadinanza: riprendono i lavori di manutenzione straordinaria al CEDIR

potatura cedir“Ripresa la manutenzione straordinaria al CEDIR: potatura alberi, risistemazione aiuole, pulizia generale. Altri piccoli passi verso la normalità, dopo anni di incuria”.

Così il sindaco di Reggio Calabria, Giuseppe Falcomatà, commenta pubblicamente la foto “postata” sulla sua pagina Facebook, che testimonia l’inizio dei lavori di “risistemazione” generale del piazzale del CEDIR, sede di vari uffici del Tribunale e del Comune, quindi punto nevralgico della città.

L’aveva annunciato Falcomatà, proprio la settimana scorsa: uno degli obiettivi preposti dalla sua amministrazione si rifà alla salvaguardia del nostro patrimonio, tra cui quello botanico.

Molti i siti su cui si deve e si vuole intervenire in merito: non per niente, durante il suo intervento in conferenza stampa, indetta per fare un po’ il punto sui suoi primi 90 giorni da sindaco, Giuseppe Falcomatà aveva fatto riferimento alla Villa comunale, così come anche all’intera vegetazione (da esaltare e proteggere) presente in città. Anche l’occhio vuole la sua parte, dunque.

Ma come sempre, sull’intervento al CEDIR in particolare, molti sono i commenti e le critiche, tutti riguardanti i provvedimenti da prendere prima di tutto per le strade e per gli altri principali problemi che attanagliano la città. Ma alle critiche, si accompagnano gli incoraggiamenti: “Buon lavoro sindaco”, “continui così”, “i cittadini di Reggio sono tutti con Lei”, “riuscirà a far rinascere la MIA Reggio”. E di rinascita, per l’appunto, ha sempre parlato Falcomatà, intento, come da lui stesso dichiarato, “a guardare al futuro, senza, però, dimenticare ciò che è accaduto in passato”.

Ambiente: è questo un tema particolarmente caro al sindaco Falcomatà, che secondo la sua visione non riguarda solo la potatura degli alberi, lo spazzamento delle strade, ma anche la depurazione degli scarichi a mare, l’emergenza rifiuti, la cura, come suddetto, del nostro patrimonio, in ogni sua singola sfaccettatura.

Passo dopo passo, dunque, come scrive Falcomatà, si sta cercando di ridare a Reggio Calabria un volto nuovo, e se non totalmente nuovo quanto meno “rinnovato” nel suo insieme; sta ai cittadini giudicare, ma anche supportare quando è necessario, l’operato dell’amministrazione, e sta a quest’ultima cercare di rispondere al meglio alle esigenze della città e dei suoi abitanti.