Reggio, problemi “tecnici” nel calcolo delle tasse universitarie: “l’Ateneo si sta già attivando” [VIDEO]

L’intervista ai ragazzi dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria, in merito a degli inconvenienti nell’utilizzo di un nuovo sistema online per le iscrizioni

 

intervista tasse universitarieIn vista della scadenza per il pagamento delle tasse universitarie, gli studenti di Reggio Calabria hanno riscontrato dei problemi nell’utilizzo di una nuova piattaforma online per le iscrizioni. Le telecamere di Strettoweb hanno testimoniato i dubbi dei ragazzi, e proprio sulla base di questo, hanno tenuto a trasmettere le precisazioni di una rappresentante degli studenti del Corso di Laurea in Giurisprudenza, che specifica quanto è accaduto, sottolineando il fatto che l’Università si sta già attivando per risolvere il tutto.

“In prossimità della scadenza della seconda rata delle tasse universitarie – si trasmette anche tramite un’intervista rilasciata ai microfoni di Strettoweb – gli studenti hanno riscontrato alcuni problemi circa l’importo dei bollettini che consentono il pagamento delle suddette. L’Ateneo, a fronte delle segnalazioni degli studenti e dei rappresentanti, ha inizialmente prorogato la scadenza delle tasse dal 31 marzo al 16 aprile senza aggravio di mora e successivamente proprio in questi giorni si sta occupando di sistemare la situazione amministrativa di quegli studenti che, non avendo effettuato bene la procedura di iscrizione, si sono ritrovati delle cifre esorbitanti da pagare in quanto collocati automaticamente in massima fascia”.

E la preoccupazione dei ragazzi è testimoniata dalle immagini del video, in cui interviene anche una studentessa, che come tanti altri si è recata all’Università “per capire cosa fare”.

“La piattaforma GOMP – precisa la rappresentante degli studenti – consente da quest’anno di procedere all’iscrizione esclusivamente in modalità online ed è stata proprio questa nuova procedura a comportare i piccoli inconvenienti che l’ateneo sta ben affrontando, permettendo a tutti gli studenti di correggere i propri dati e di pagare le tasse secondo la propria situazione reddituale”.

Dunque, tutti i ragazzi che si siano trovati in difficoltà nell’utilizzo del nuovo sistema possono recarsi in segreteria studenti, con la propria dichiarazione sostitutiva e il proprio modello Isee in formato pdf, per richiede il pagamento delle tasse secondo il proprio reddito.

“Inoltre – conclude la rappresentante degli studenti del Corso di Laurea in Giurisprudenza – l’associazione New Deal, sempre a disposizione degli studenti, ha dato via a una nuova iniziativa che consente a tutti gli studenti di stampare il Mav presso la propria sede gratuitamente tutti i pomeriggi dal lunedì al venerdì dalle 16:30 in poi. Gli studenti in questa sede potranno anche esporre i propri dubbi e le proprie idee ai rappresentanti degli studenti dell’associazione New Deal che si faranno carico dei problemi, delle idee e di nuove proposte”.

“Lettera firmata”

Il servizio di Simone Pizzi: