Reggio: “necessario non disperdere l’investimento su cardiochirurgia in città”

centro cuore reggio calabria (20)“L’investimento di 40 milioni di euro per cardiochirurgia a Reggio Calabria risulterebbe vano se non venisse sfruttato consentendo a una grande provincia calabrese di poter disporre di questa alta specialità e di potenziare l’offerta su tutto il comprensorio”. Lo afferma in una nota il sen.Giovanni Bilardi, coordinatore regionale vicario di Ncd Calabria. “Proprio la portata delle risorse impiegate e l’acquisto di macchinari di ultima generazione – prosegue Bilardi- deve fare in modo che si trovi una soluzione in sede regionale coinvolgendo il Policlinico di Germaneto come punto di riferimento di eccellenza. In questo caso – dice ancora il senatore ncd- l’investimento stesso sarebbe funzionale alla creazione di una grande rete cuore” regionale e aprirebbe la strada alla creazione di una scuola di cardiochirurgia in grado di attrarre le migliori professionalità calabresi”. Bilardi sottolinea come ” l’attivazione di cardiochirurgia consentirebbe di recuperare non solo i drg che emigrano verso la Sicilia e altre regioni italiane, ma anche di attrarre pazienti dalla stessa Sicilia e da altri territori, con un impatto economico che porterebbe a pareggiare i costi. La situazione di stasi generale – continua Bilardi- e di inoperosità del plesso, dopo avere stanziato 40 milioni, costituisce di per se uno spreco: non possiamo certo dismettere o stornare le attrezzature. La soluzione migliore- conclude il parlamentare reggino- è proprio quella di rendere operativa la struttura proiettandola in una dimensione produttiva e capace di rispondere alle domande di cura che provengono dai territori , trasformando un possibile spreco in una straordinaria opportunità collettiva”.