Reggio: mercoledi sit-in di protesta davanti al palazzo “Campanella”dei lavoratori in mobilita in deroga

mobilitazione dei lavoratoriIl comitato “Un lavoro per la vita” annuncia “per mercoledì 25 marzo 2015 dalle ore 09:30 un sit-in di protesta permanente davanti al palazzo “Campanella” della regione di Reggio Calabria i lavoratori in mobilita in deroga esasperati, demoralizzati, affamati e colpiti nella loro dignità di uomini e di donne alle disperazione più totale. Stanno tornando a gridare la propria rabbiosa frustrazione!!! La regione Calabria ha disatteso tutte le promesse fatte in questi 3 mesi di governo accordando un tavolo tecnico permanente tra lavoratori e regione che non è mai iniziato dove si doveva intavolare un percorso auspicatamente virtuoso per parlare di reinserimento vero lavorativo e nuove serie opportunità che questa regione poteva e doveva attuare. Per ultimo ma non per importanza, la mancata chiusura del lontano 2013 ai derogati a cui devono essere ancora erogate 2-3 mensilità per non parlare del tanto decantato accordo 2014 tra le parti sociali e la suddetta regione dove nel lontano 10 marzo 2015 la stessa usciva con ampi comunicati stampa e annunci sul sito regionale dove veniva garantito la chiusura 2013 e 2-3 mensilità del 2014. Ad oggi nessuna di queste promesse, da “campagna elettorale” è stata mantenuta. C’è stato comunicato dagli operatori della regione Calabria che nessuna mensilità a nessuna categoria verrà erogata per cavilli amministrativi che non è dato sapere e non è nemmeno nostri compito comprendere ed accettare!!!!! Quindi con questo nostro sit-in che si protrarrà ad oltranza vogliamo scuotere le coscienze di chi governandoci dovrebbe mantenere almeno un terzo delle promesse fatte in campagna elettorale. 30.000 famiglie, sono alla disperazione più totale, alla fame, che ogni giorno calpestando la propria dignità, si recano alla CARITAS ad elemosinare almeno i generi di prima necessità, famiglie sfrattate in mezzo ad una strada a cui è stato tolto tutto e per questi motivi non ha più nulla da perdere!”