Reggio: individuati 30 lavoratori irregolari, maxi sanzioni per oltre 120.000 euro

Sono state verificate 50 posizioni lavorative, 30 delle quali sono risultate irregolari

Guardia di Finanza Reggio CalabriaGli uomini della Guardia di Finanza di Reggio Calabria, nell’ambito dei controlli in materia di impiego di manodopera irregolare hanno sottoposto a controllo 40 ditte nella zona di Villa San Giovanni (RC) tra ambulanti, operatori del settore edile, panificatori e ristoratori.
In particolare sono state verificate 50 posizioni lavorative, 30 delle quali sono risultate irregolari in quanto i lavoratori sono stati assunti o impiegati senza la preventiva comunicazione di instaurazione del rapporto di lavoro all’Ente Previdenziale.

L’attività di servizio ha consentito di constatare violazioni in materia di contribuzione previdenziale ed assistenziale e di irrogare le maxi sanzioni previste dalla normativa vigente per l’impiego di lavoratori in nero, per oltre 120.000 euro complessivi, se pagate in misura ridotta. La normativa vigente prevede infatti, per ogni lavoratore non assunto regolarmente, la sanzione da 1.950,00 a 15.600,00 euro, maggiorata di 195 euro per ogni giornata lavorativa prestata in maniera irregolare.

L’operazione ha permesso di conseguire risultati che attestano ancora una volta l’alto livello di attenzione Istituzionale verso fenomeni di illegalità e concorrenza sleale, soprattutto a salvaguardia di quelle aziende che, pur faticosamente in un contesto di grave crisi economica e finanziaria, continuano ad operare nella piena legalità e nel rispetto delle regole.