Reggio, controlli nelle case popolari: 300 persone identificate, 39 appartamenti non in regola [FOTO e DETTAGLI]

caseCon il supporto dei militari Compagnia Speciale del Gruppo Operativo Calabria di stanza in Vibo Valentia, i Carabinieri del Gruppo di Locri hanno sottoposto a un’approfondita azione di verifica la situazione alloggiativa dell’edilizia residenziale pubblica del comune di Bovalino. Nel volgere di un solo giorno, i militari dell’Arma hanno controllato 108 alloggi popolari, in cui sono state identificate quasi 300 persone, trovate all’interno degli appartamenti al momento dell’attività ispettiva. I nominativi di questi soggetti sono stati incrociati con gli elenchi forniti dal Comune di Bovalino e dall’Azienda Territoriale per l’Edilizia Residenziale Pubblica (ATERP) di Reggio Calabria, al fine di riscontrarne la coincidenza. All’esito dell’ampio servizio, i Carabinieri hanno accertato che 14 alloggi sarebbero stati indebitamente ceduti dagli assegnatari, anche a titolo oneroso, a terzi non aventi alcun titolo ad occuparli, mentre in altri 25 appartamenti non è stata riscontrata la presenza di alcuno (sono tuttora in corso ulteriori accertamenti tesi a individuare dove i legittimi assegnatari, qualora ancora in vita, abbiano trasferito il proprio domicilio ovvero la dimora, posto che hanno mantenuto la residenza presso tali case popolari). Durante le ispezioni, i Carabinieri hanno anche censito un appartamento ammobiliato ma ormai, e da tanto tempo, in evidente stato di abbandono e un altro completamente devastato con all’interno escrementi di animale da allevamento, verosimilmente utilizzato come pollaio. I controlli effettuati sono stati altresì volti a verificare se fossero stati realizzati allacci abusivi alla rete pubblica dell’energia elettrica ovvero dell’erogazione dell’acqua: all’esito, una 42enne è stata denunciata a piede libero per furto di energia elettrica in quanto ha “bypassato” il contatore, allacciando l’impianto elettrico domiciliare alla rete pubblica. Il risultato dei controlli è stato ora trasmesso all’ATERP di Reggio Calabria per i conseguenti provvedimenti di competenza.