Rapporto Commissione Lo Moro. On. Scopelliti: “inquietante crescita intimidazioni ad amministratori locali. Urge inasprire pene”

Rosanna_Scopelliti_Intervista_Candidata_Pdl_01“E’ un quadro inquietante e drammatico quello che emerge dal Rapporto presentato dalla Commissione d’inchiesta del Senato sul fenomeno delle intimidazioni nei confronti degli amministratori locali, presieduta dalla sen. Doris Lo Moro. Apprendiamo che nel periodo dal gennaio 2013 ad aprile 2014 sono stati ben 1.265 gli attentati ed atti intimidatori subiti dagli amministratori locali italiani, dei quali quasi il 90% è rimasto senza individuazione degli autori”.

E’ quanto afferma in una nota stampa l’on. Rosanna Scopelliti, capogruppo NCD alla Commissione Difesa della Camera e presidente del Comitato beni confiscati presso la Commissione Parlamentare Antimafia. “Deve suscitare un giusto allarme nelle Istituzioni, nella Magistratura e nelle Forze dell’ordine il dato – continua la parlamentare – che addirittura il 97% degli atti intimidatori con l’uso di armi da fuoco, il 94% di quelli con l’utilizzo di esplosivi e l’88% dei casi di incendi e distruzione di autovetture sia avvenuto ai danni di amministratori locali del Sud Italia. E bisogna studiare con attenzione il dato che di questi atti intimidatori ai danni di amministratori locali solo il 13,7% dei 673 casi accertati per i quali le prefetture hanno indicato una presumibile matrice collegata a strategie criminali è riconducibile alle mafie”.

“Sono assolutamente al fianco della relatrice sen. Lo Moro – ha concluso l’on. Scopellitinella richiesta di una massima attenzione verso questo fenomeno criminale che mina alle sue basi la nostra stessa democrazia, anche con l’introduzione mediante iniziativa parlamentare di specifiche aggravanti ai reati commessi da chi colpisce, in qualsiasi modo, gli amministratori locali”.