Premio letterario internazionale Mondello: sarò Scurati a scegliere il vincitore

20090120_libro_d0La quarantunesima edizione del Premio letterario internazionale Mondello – promosso dalla Fondazione Sicilia in collaborazione con il Salone internazionale del libro di Torino e la Fondazione Andrea Biondo sarà suddiviso in quattro sezioni (narrativa italiana, autore straniero, critica letteraria, migliore motivazione). Il Premio ha istituito il nuovo Comitato di selezione: giudice monocratico è lo scrittore Antonio Scurati; sarà a lui a scegliere il suo maestro, ovvero il vincitore del premio autore straniero, che riceverà il riconoscimento il 18 maggio al Salone di Torino. Lo scrittore e saggista Marco Belpoliti, il critico letterario Gianni Turchetta e la scrittrice Chiara Valerio sono i nuovi giurati chiamati a decretare i tre romanzi vincitori del premio opera italiana (valutando tra i libri pubblicati da marzo 2014 a marzo 2015) e il vincitore del premio critica letteraria (gennaio 2014-marzo 2015). I nomi della terna saranno annunciati ad aprile. I tre romanzi vincitori del premio opera italiana saranno sottoposti al giudizio di 240 lettori qualificati, indicati da 24 librerie dislocate in tutta Italia, scelte in partnership con Il Sole 24 Ore. Le loro preferenze, che saranno espresse tramite votazione online da giugno a ottobre, decreteranno il vincitore assoluto, cui andrà il SuperMondello. Il riconoscimento sarà consegnato a novembre a Palermo. Parallelamente, una giuria di centocinquanta studenti di quindici scuole secondarie di secondo grado (dodici di Palermo e tre di altre tre province siciliane) decreterà il vincitore del Mondello giovani. Gli studenti leggeranno i tre libri in gara e voteranno il loro romanzo preferito, motivando la scelta con un testo critico. Sempre a novembre, il Comitato di Selezione assegnerà a tre studenti siciliani il premio alla migliore motivazione. Nato nel ’75, il Mondello ha premiato scrittori come Günter Grass, Milan Kundera, Doris Lessing, Javier Cercas, Adonis, Don De Lillo, Elizabeth Strout, Alberto Moravia, Italo Calvino, Andrea Camilleri e Alberto Arbasino.