“Non è un abbandono”, le parole della lettera di Falcone dopo aver lasciato la procura di Palermo

“Il mio posto è a Palermo”, dichiarò Giovanni Falcone nella lettera

Giovanni FalconeGiovanni Falcone non considerò “un abbandono” il suo passaggio dalla Procura di Palermo al ministero di Giustizia a Roma. Lo dice lo stesso magistrato ucciso dalla mafia il 23 maggio 1992. In una sua lettera inedita, pubblicata da ‘L’Ora’ di Palermo, Falcone scriveva: “Sono convinto che il mio posto sia a Palermo, ma ci sono momenti in cui occorre fare delle scelte e impiegare tutte le energie possibili per la lotta alla mafia. Mi creda il mio non è un abbandono“.