Modi di dire reggini (in italiano e in dialetto): … continuate voi!!!

reggio calabria anticadi Kirieleyson - Tempo fa ero a Bologna e  mi sono trovato a parlare  con un  signore che,  dopo un minuto di conversazione mi chiese: lei è di Reggio, vero? Aggiunse subito  di aver fatto il Liceo a Reggio e  di ricordare con piacere sia quegli anni che  la città, concludendo poi che i Reggini  li riconosceva  immediatamente. Da cosa?  gli chiesi. E lui: non saprei,  talvolta basta solo una parola. Certo, di difetti ne abbiamo tanti;  e di problemi anche.  Ma di modi di dire… direi ancor di più.. Vediamone alcuni.

Modi di dire reggini (in “italiano”)

  • Partecipandolo ai parenti: mi sono  fatto fidanzato!
  • Incontrando i novelli sposi:  novità ?
  • Da parte dei  genitori degli sposi, facendo il  giro dei tavoli al ricevimento nuziale:  Tutto  a posto?
  • Rivolto al figlioletto: Bello,  vieni qua… papà (varianti:   mamma, zia, nonna ecc.)-
  • Al bar:   prendo una  brioscia col gelato
  • Giustificandosi per il ritardo:  c’era una  filarata di macchine in Via Marina!
  •  Rivolto agli amici:  Lo devo  fare a mucciuni … se lo sa la mia zita, mi spacca…
  • Precisazione: con Ciccio e con la sua famiglia ci siamo sempre rispettati….
  • A proposito del rispetto: A disposizione!
  • A chi ti guarda con insistenza:  Che  guardi?   Gliela hai  vista di fuori?
  • Se uno è mal ridotto: a quello  non  lo salva nemmeno Caracciolo!
  • Commento   sarcastico:  o  fiore!
  • E ultimamente, nei proclami: Il modello Reggio.

 

Modi di dire reggini  (in dialetto)

  • Chi si rici?
  • Pi mmia Idda è comu na soru!
  • Cummari e cugini si futtuni i primi!
  • I fimmini da Motta vonnu a prima e a sicunda botta!
  • Malanovamai!
  • E vulivumu u capoluogu!
  • Quando sa nchianunu a Maronna?
  • Ora vegnu!
  • Faci u  u sceccu ‘nto linzolu
  • Mancu li cani, Signuri!
  • Pari a putìa i Mustazzuni!
  • Ti salutu peri i fica!
  • Ristau comu a chiddu chi ‘ncia  vitti a so mamma
  • Cu si vardau si sarbau
  • Jendu e vinendu cuttuni cugghiendu, ja e vinìa cuttuni cugghìa
  • Cu si curca chi figghioli a matina mbrìsci pisciatu
  • Cu  ci lava u culu o sceccu perdi l’acqua e perdi u tempu

continuate voi..