Messina, storie di ordinario degrado: i Dr incalzano l’Amministrazione sul miniautodromo di Fiumara Guardia [FOTO]

miniautodromo fiumara guardiaI consiglieri comunali Carlo Abbate, Elvira Amata, Nino Interdonato, Rita La Paglia, Nino Carreri e Santi Interdonato hanno presentato stamane un’interrogazione urgente all’Amministrazione cittadina sul miniautodromo Fiumara Guardia. Si tratta di un impianto sportivo comunale, sito su un’area di proprietà del demanio dello Stato.

Nel 2005 questo impianto – ha ricordato il primo firmatario dell’interrogazione Nino Interdonato – ha ospitato i campionati mondiali di categoria, con un afflusso di oltre 500 persone, come dai dati registrati dagli organizzatori mentre a partire dal 2010 è stata pressoché abbandonato e quindi non fruibile da parte dall’utenza sportiva. La causa della chiusura dell’impianto – ha precisato il vicepresidente vicario del Consiglio comunale – è imputabile a ad una denuncia da parte dei residenti per i rumori molesti provenienti durante le manifestazioni e proprio per superare questo disagio e favorire la riapertura dell’impianto l’ufficio comunale preposto alle manutenzione degli impianti sportivi ha elaborato un progetto per l’installazione di pannelli volti all’assorbimento delle emissioni sonore. Altra nota dolente riguarda infine la mancata corresponsione al demanio, negli ultimi sette anni, del canone dovuto per legge sulle occupazione delle aree, il tutto accompagnato dallo stato di degrado della struttura che è andata nel tempo aggravandosi, come riportato dal dossier fotografico allegato. Ai danni alla struttura – ha concluso Interdonato - si sono quindi aggiunti gli effetti negativi sul tessuto economico-sociale, considerato che le piccole attività commerciali che si occupavano di fornire gli utenti del settore hanno abbassato la saracinesca, e che gli eventi sportivi di caratura nazionale ed internazionale, si sono spostati nelle zone limitrofi come ad esempio il Comune di Giardini Naxos“.
Sulla base di questa ricostruzione, il gruppo dei Dr chiede al sindaco Accorinti di sapere cosa propone l’Amministrazione per ovviare le criticità denunciate, quali ricette la Giunta intende adottare per sanare la posizione del Comune nei confronti del Demanio e valorizzare il suddetto impianto.