Messina, stalli disabili: è di nuovo bufera

disabili7I criteri con cui erano state operate le revoche degli stalli disabili avevano scatenato, sul finire del 2014, un mezzo putiferio, tanto che il sindaco, Renato Accorinti, dovette intervenire per sanare la falla aperta dall’ing. Pizzino. Si disse che le revoche sarebbero state cancellate e che il Comune avrebbe fatto il punto della situazione per ripartire con un piano organico, condiviso con le associazioni. Così non è stato. Di più: l’incontro previsto per il 23 febbraio con le realtà interessate esclude di fatto molti soggetti che si occupano di disabilità.

Mario Midolo, del Movimento Peloritano Democrazia Disabile, ha così lanciato l’affondo: “Che questa Giunta non sia capace di operare senza accendere i riflettori della stampa su di se lo avevamo capito, ma della loro insipienza perché devono essere i disabili a pagarne lo scotto? Sappiamo che parte della responsabilità è anche nostra poiché i portatori di handicap, in quanto minoranza sociale e per giunta divisa in parecchie associazioni spesso in contrasto fra loro, alla fine non rappresentano un pericolo per Accorinti e compagnia varia e quindi possono essere tranquillamente ignorati ma vorremmo ricordare che un sindaco può essere sfiduciato anche da coloro che lo hanno votato – conclude sibillino Midolo –  e nulla toglie che le associazioni dei disabili si possano unire e appoggiare ufficialmente la raccolta di firme già in corso“.