Messina, porto di Tremestieri: si muove la Procura?

Secondo alcune indiscrezioni la Procura di Messina starebbe monitorando il caso del porto cittadino, perennemente insabbiato per via delle sciroccate

Approdo-tremestieriLa chiusura del Porto di Tremestieri merita una seduta specifica del Consiglio, affinché i nodi irrisolti in tema di viabilità cittadina possano finalmente essere affrontati nelle sedi opportune. E’ questo, a grandi linee, il ragionamento espresso da Giuseppe Santalco, consigliere comunale del Pd, il quale ha chiesto al primo cittadino un’audizione a Palazzo Zanca per conoscere i dettagli relativi all’attraversamento dello Stretto dei mezzi pesanti.

Frattanto il presidente dell’Autorità Portuale, Antonino De Simone, attende riscontri dal Danish Hydraulic Institute, cui è stato commissionato uno specifico studio per valutare i possibili interventi. Non esclude, il presidente, di ricorrere alla chiusura totale del porto per almeno sei mesi l’anno: “mi dispiace per il problema dei tir – ammette De Simone – ma la realtà dei fatti è questa. Magari adesso faremo una nuova gara, elimineremo la sabbia ma non sappiamo se ad aprile tornerà“.

Clamorosi sviluppi trapelano, invece, dalla Procura di Messina. Secondo fonti interne, infatti, l’insabbiamento dello scalo sarebbe al centro di un’indagine: le sciroccate funestano la vita di un’opera pubblica importante, per questo sarebbe stato aperto un fascicolo per approfondire analiticamente gli aspetti delicati di questa spinosa vicenda.